Home / In provincia di Torino / SAN RAFFAELE. Il muro del cimitero abbattuto verrà ricostruito dal Comune
IL MURO del cimitero abbattuto

SAN RAFFAELE. Il muro del cimitero abbattuto verrà ricostruito dal Comune

Incredibile quanto successo qualche settimana fa al cimitero di San Raffaele Cimena, in via Conteisa, dove, alcuni malviventi, si sono divertiti a distruggere quaranta metri di muro nei pressi del campo santo. Il muro abbattuto è quello in fondo, sulla sinistra del cimitero. Certamente un atto vandalico, un’azione che ha letteralmente sconcertato l’amministrazione comunale. Nella notte tra domenica 28 e lunedì 29 ottobre, qualcuno, infatti, si è intrufolato nei pressi del cimitero, e, a colpi di non si sa cosa, ha distrutto buona parte del muro presente attorno alla struttura. Al mattino, gli amministratori, si sono ritrovati una serie di mattoni buttati sul prato al bordo del campo santo. 

Il muro, ad oggi, è ancora nelle stesse condizioni. L’amministrazione, nei prossimi giorni, mettere a punto il progetto per la realizzazione della nuova struttura.

Lo ricostruiremo – spiega il sindaco Angelo Corrù ma lo faremo in modo diverso, non utilizzeremo più i mattoni, si tratterà di una costruzione diversa da quella che è stata distrutta”.

Nel frattempo, la speranza è che le forze dell’ordine possano rintracciare i responsabili del gesto, anche attraverso l’utilizzo delle telecamere presenti all’esterno del cimitero. Al momento, le immagini, però, non sembrano aver ancora dato i risultati sperati.

“Si tratta di un’indagine difficile – spiega il sindaco Corrù – non è semplice riuscire a rintracciare gli autori del gesto, anche perché le telecamere non puntano verso l’interno del cimitero ma guardano all’esterno. I carabinieri sono a lavoro ma per il momento non mi hanno comunicato grosse novità. Quello che posso dire è le immagini delle nostre telecamere hanno registrato una serie auto che sono passate in zona, targhe che sono state filmante e che saranno certamente controllate. Speriamo che la vicenda possa risolversi al più presto”.

Commenti

Blogger: Mattia Aimola

Mattia Aimola
Senza peli sulla penna

Leggi anche

IVREA. Laboratori lager, 150 euro mese per lavorare come schiavi

Condizioni di lavoro disumane, paghe da fame, turni massacranti. Una trentina di operai, cinesi, italiani …

polfer

CHIVASSO. Furti rame su tratte Fs, tre denunce in Piemonte

Diciannove ispezioni, 62 persone controllate, tre denunce. Sono i numeri del settore piemontese di Oro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *