Redazione

di: Redazione

Home / In provincia di Torino / SAN MAURO. “Si” all’antenna in Pragranda

SAN MAURO. “Si” all’antenna in Pragranda

Antenna si? Antenna no?

La risposta è arrivata qualche giorno fa dai giudici del Tar: l’antenna nei pressi dell’area Pragranda si farà. Si tratterà di un’antenna 5g, uno strumento di nuova generazione

La querelle relativa all’antenna che la Telecom avrebbe dovuto installare nell’area della Pragranda andava avanti, ormai, da tempo.

Qualche mese fa, infatti, il Tar aveva respinto la richiesta di sospensiva presentata dalla Telecom che chiedeva al tribunale di stoppare la decisione dell’amministrazione, che aveva detto “No” all’antenna.

I privati, infatti, avevano presentato un formale ricorso in tribunale dopo il parere negativo dell’amministrazione che aveva deciso di non concedere l’autorizzazione per la costruzione.

Le parti erano state in trattativa a lungo per provare a trovare una quadra, il comune chiedeva di costruire l’antenna altrove, in una zona lontana dalle abitazioni, la Telecom, invece, ha sempre ribadito la propria volontà: antenna in Pragranda.

Dopo una prima fase interlocutoria anche i cittadini avevano fatto la loro parte: il comitato “No Antenna” raccolse più di tremila firme per ribadire la contrarietà dei residenti.

La possibilità che un traliccio potesse essere installato in zona, infatti, aveva mandato su tutte furie i residenti della zona che si erano subito attivati per mostrare la loro enorme contrarietà.

Eppure, ad oggi, la legge sembra dar ragione all’azienda.

Le leggi vigenti, al momento della presentazione del progetto, infatti, consentivano e consentono alla Telecom di realizzare l’antenna nella zona da loro richiesta.

Il comune, dal canto suo, è lavoro per la realizzazione di un nuovo regolamento per la mappatura delle antenne presenti in città e di quelle che potranno essere installate in futuro (il regolamento attuale è datato 2006).

È bene dire, infine, come sia l’azienda che l’Arpa (l’ente regionale per la protezione ambientale) avessero rassicurato il comune in merito alla non pericolosità di strumentazioni simili.

Commenti

Leggi anche

IVREA. Fondazione Guelpa. Siamo alla solita minestra?

I  lettori eporediesi certamente sono a conoscenza dell’esistenza della Fondazione Guelpa. Un istituto creato nel 2005 …

testamento biologico

IVREA. Come funziona il Biotestamento? Spieghiamolo ai cittadini

Un impegno del sindaco e della giunta a predisporre nel più breve tempo possibile un …