Home / BLOG / SAN MAURIZIO. Contro la violenza sulle donne, un’opera d’arte delle scuole

SAN MAURIZIO. Contro la violenza sulle donne, un’opera d’arte delle scuole

A fare lezione questa volta non sono stati i professori ma gli studenti delle scuole medie. Venerdì mattina, nel cortile dell’Istituto comprensivo Remmert, i ragazzi delle classi terze hanno presentato la loro istallazione artistica composta da bancali, dipinti con disegni evocativi e intrisi di significato, tenendo una vera e propria lezione d’arte moderna.
Alla presenza della loro professoressa Antonella Dipiero, del preside Aniello Serrapica, della presidente del Consiglio comunale Sonia Giugliano, gli studenti hanno spiegato che ogni elemento dell’opera è stato realizzato per trasmettere forza e speranza alle donne vittime di violenza.
“Una lacrima taglia il viso di una donna piangente, il nero rappresenta il crimine, il rosso è il sangue di una rosa (la donna) sola al mondo (nel deserto).”
Nei colori scelti dai ragazzi i richiami ai maltrattamenti e ai sopprusi sono numerosi ma non mancano chiazze di giallo intenso, simbolo di energia, mentale e fisica che si augura ad ogni donna vittima.
“Che la lotta alla violenza non si esaurisca con la Giornata Mondiale – ha detto il preside Serrapica – ma che sia un sentimento che ci accompagna tutti i giorni..Ciò che è stato prodotto dai ragazzi ben rappresenta la maturazione delle loro ‘competenze di cittadinanza’ ”.
Tra il pubblico presente c’era anche Valeria Aimaretti, in rappresentanza dell’associazione La Rete delle Donne, attiva contro la violenza.
Ringraziate tutte le insegnanti che hanno collaborato.

Commenti

Blogger: Chiara Locuratolo

Chiara Locuratolo
Ago Magnetico

Leggi anche

SETTIMO. Covid, a rischio i precari dell’Outlet

“Nei fine settimana i negozi del nostro outlet realizzano il 40% del fatturato. Il nostro …

Giorgia Povolo

IVREA. Cambia l’organizzazione del servizio pre e post scuola. Bufera su Povolo. “Ma cosa vi siete fumati?”

E’ bastato un comunicato per avvisare le famiglie che, a partire da lunedì 26 ottobre, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *