Home / BLOG / SAN GIUSTO. Festa di fine mandato per i Consigli dei Ragazzi

SAN GIUSTO. Festa di fine mandato per i Consigli dei Ragazzi

Un gruppo di persone che condivide un obiettivo comune può raggiungere l’impossibile.” Una famosa citazione, una semplice frase detta e ripetuta da molti sportivi, ma che oggi si riflette in molte realtà e trova spazio anche nel Consiglio Comunale dei Ragazzi. Venerdì 25 gennaio presso il Salone Polifunzionale di San Giusto Canavese si è svolta la festa di fine mandato del Consiglio Comunale dei Ragazzi. Un progetto durato due anni, finanziato dalla Compagnia San Paolo e che ha visto portare a termine tutti i vari “compiti”, nello scorso dicembre. 57 gli studenti che dalla 5°elementare alla 3°media hanno deciso di mettersi in gioco, come “piccoli” cittadini attivi. 57 i ragazzi del comune di Montanaro, Foglizzo e San Giusto Canavese che unendo le forze, hanno collaborato a stretto contatto per i propri paesi. La serata ha inizio e la parola viene subito data alla sindaca di San Giusto Giosi Boggio: “Voglio dare un benvenuto speciale a tutti, ma in particolare ai ragazzi che terminato questo percorso hanno recepito un significato importante, ovvero che la “cosa” pubblica appartiene a tutti e non solo a chi l’amministra. Inoltre voglio ringraziare la Cooperativa, gli insegnanti, i genitori e i colleghi sindaci che hanno contribuito alla riuscita di questo progetto.” Dice e conclude:” Lavorare insieme è possibile e ci rende ancora più forti. Spero cari ragazzi che possiate fare tesoro di questa esperienza.” Anni intensi, anni ricchi di tante occasioni di crescita ed esperienze positive sono le parole che risuonano maggiormente tra i piccoli consiglieri comunali, che in modi differenti hanno preso parte alla vita del paese. Murales, mostre, laboratori, aiutare nell’organizzazione di feste di paese, affrontare temi importanti come il bullismo e il cyber bullismo o piantare degli alberi in un parco.  Queste e altre ancora sono state le attività alla quale i ragazzi si sono dedicati con impegno, costanza e passione. “Questa esperienza è stata la più importante del mio mandato.” Racconta il primo cittadino montanarese Giovanni Ponchia. “Voi siete il futuro e come gli alberi che abbiamo piantato al parco del Castello, avete portate una ventata di freschezza, siete la novità per noi “vecchi”. Possa essere motivo di ringiovanimento per noi e che possa continuare questa collaborazione. Uniti insieme per il futuro dei paesi.” E dice la sua anche il sindaco di Foglizzo Gallenca Fulvio:” Mi unisco alle parole dette dai miei colleghi, spero vi siate anche divertiti nel provare questa esperienza nuova.” E conclude:” Sono tante le persone che hanno collaborato lungo il percorso di questo progetto. Speriamo ce ne saranno anche altri.”Per celebrare la chiusura ai ragazzi viene consegnato un attestato e regalata loro una maglietta, come simbolo e ricordo di questa esperienza unica. Un’esperienza che sicuramente ha piantato un piccolo seme e che lascia nei piccoli giovani un’impronta significativa nell’affrontare il futuro come cittadini consapevoli.

Commenti

Blogger: Ivana Fontana

Ivana Fontana
L'essenziale è invisibile agli occhi

Leggi anche

CHIVASSO. Natale: l’Ascom litiga con Castello

CHIVASSO. Natale: l’Ascom litiga con Castello. “Abbiamo appreso ieri che il Comune di Chivasso non …

CHIVASSO. Ci ha lasciati Ginetta Dondero

CHIVASSO. Ci ha lasciati Ginetta Dondero. Si è spenta, all’età di 80 anni, Maria Teresa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *