Home / BLOG / SAN BERNARDINO
san bernardino

SAN BERNARDINO

Sono cosciente del fatto che, riguardo al personaggio di cui parlerò oggi, agli
Eporediesi non interessa un frenulo.
Ciononostante non mi scoraggio, in quanto costui mi apre le porte a una raffica
di altri argomenti, che mi consentiranno di vivere di rendita per un paio di
annetti buoni.

E’ bene chiarire subito che San Bernardino non corrisponde al Piccolo San
Bernardo. E tantomeno vi è una correlazione tra il suddetto diminutivo, e
la sua appartenenza alla Congrega dei Frati Minori.

Ora il rischio è che vi illudiate che tutte le minchiate a disposizione le
abbia già sparate. E invece no. Vedrete!

Egli nacque a Massa Marittima, quella dove del marmo sanno una sega, dalla
nobile famiglia degli Albizzeschi, nome adattissimo ad aprire una trattoria
specializzata in pinse.

Orfano in tenera età, si trasferì a Siena, dove per le dimensioni e il
diminutivo venne scambiato per un fantino del Palio.

Ordinato sacerdote (o magari disordinato, vai a sapere), divenne un fan
sfegatato di Gesù, tanto che si pensa fosse stato lui a sollecitare l’uso del
Cristogramma JHS, ovvero il tipo più arcaico di videocassetta.

Si occupò molto di Economia, e si battè con furore contro l’usura, al punto che
pregando non toccava mai il Rosario per non usurarlo.

Venne anche tacciato di Eresia, ma fu presto assolto in quanto l’Inquisitore,
un certo Gigno Vinia, era malvisto dai colleghi per il vizio di parcheggiare il
proprio carretto nei luoghi meno opportuni. Oltre a ciò, il Gigno non ebbe
mai il coraggio di attaccare frontalmente il Bernardino, in quanto in base al
nome temeva fosse il figlio minore di Bernardo Gui.

Non venne mai ad Ivrea, sebbene fosse invitato con insistenza da tale Anna
Malo, che per invogliarlo decantava il clima eporediese, malgrado una piovosità
paragonabile a quella del Diluvio Universale. A darle manforte vi fu anche una
donna assai devota, Georgia Popolo, che promise di dedicargli una apposita
statuina del Presepe, ma purtroppo utilizzò del cippato molto mal compresso.

San Bernardino morì nel 1444, e venne canonizzato nel 1450, ovvero in soli sei
anni, ottenendo il nuovo record di santificazione indoor.

Ora vi saluto che vado a dedicarmi a Santa Bernardona.

Commenti

Blogger: Franco Kappa

Franco Kappa
Ivrea di palo in frasca

Leggi anche

CINTANTO. Revocata la cittadinanza a Mussolini. Insulti social alla sindaca

Questa mattina l’amministrazione comunale di Cintano, in Canavese, ha revocato la cittadinanza onoraria a Benito …

Cuorgnè, Venaria e Lanzo diventano ospedali dedicati solo al Covid

Il Piemonte converte 16 ospedali alla cura del Covid per far fronte alla crescente richiesta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *