Home / BLOG / SAMONE. E’ guerra sul pluriuso, Proloco: “Noi portiamo via tutto”

SAMONE. E’ guerra sul pluriuso, Proloco: “Noi portiamo via tutto”

Infiamma la polemica in paese sul salone pluriuso di via vittime di Bologna, costruito nell’arco del tempo grazie al contributo di tutti i cittadini. Lo spazio, gestito dalla Pro Loco da più di 15 anni (la convenzione in essere scadrà venerdì 31 maggio), ora è al centro di un nuovo regolamento elaborato dall’amministrazione di Lorenzo Poletto. Un documento che ha fatto scattare la protesta dei consiglieri di minoranza, Luisa Spairani, Maurizio Giovando e Matteo Bonacci che hanno mostrato tutte le loro perplessità nell’ultimo consiglio comunale andato in scena qualche giorno fa.

Hanno fatto tutto senza dire niente – attacca Bonacci – la Pro Loco è il gestore e non ha saputo niente. Lo hanno fatto in fretta e furia litigando con l’associazione cittadina, come fossero bambini. Il 31 maggio scade l’accordo per la gestione e il comune non ha ancora fatto sapere niente di niente. Se la Pro Loco non rinnoverà la convenzione, chi gestirà il pluriuso? Il comune? Con quali soldi? Quali risorse umane? Noi non pensiamo che non si potesse fare un nuovo regolamento ma questo andava fatto consultando chi gestisce quello spazio da tempo. Probabilmente questa modalità ha una solo causa, l’attuale vice sindaco doveva diventare presidente della Pro Loco e non ci è riuscito”.

Sugli spalti del consiglio comunale, c’era anche Valeria Defilippi, presidente della Pro Loco, su tutte le furie per l’azione intrapresa dal sindaco. “Noi siamo pronti a lasciare tutto ma, se dovesse andare così, porteremo via tutto quello che è nostro: sedie, tavoli e pentole. E poi, per un anno, niente più feste, prendiamo un anno sabbatico”. L’invettiva della Defilippi, però, non si ferma. “Noi gestiamo la struttura da 18 anni, ho avuto a che fare con sei sindaci ma questo è diversa dalle altre, non dice niente di niente. A fine gennaio ci hanno mandato una lettera per sapere le cifre dei nostri bilanci, documenti che io non sono tenuta a fornire, come mi hanno spiegato anche i nostri legali. Ma, poi, due persone delle amministrazione sono socie della Pro Loco, vogliono vedere i conti? Li prendano. Noi spendiamo tra i 900 e i mille euro al mese per mantenere la struttura e oggi ci ritroviamo in questa situazione. Tutti gli anni mandiamo all’amministrazione i dati su chi affitta, chi utilizza la nostra struttura ma i dati sulle feste commerciali non sono tenuta a fornirli. Infine, vogliamo parlare del regolamento? Nel nuovo documento si dice che chi affitta la struttura è responsabile di quello che succede per strada, nella scuola vicina, ma è una cosa normale? Io affitto la sala, passa un pazzoide che tira una pietra contro la scuola ed è colpa mia? Vogliono affidare il pluriuso? Dopo il 31 maggio noi toglieremo tutto”. Dura la replica del primo cittadino Lorenzo Poletto.

La Pro Loco vuole togliere sedie e tavoli? Lo faccia, a me sembra una stupidaggine, poi quando si troveranno a fare feste dovranno spostare continuamente tutto ma facciano come vogliono. Io penso che il regolamento del pluriuso sia di competenza comunale e vada deciso dagli amministratori non dalle associazioni. Avevamo chiesto alla minoranza alla stesura del regolamento ma non si sono presentati. Le regole devono essere rispettate: troppe feste l’orario massimo di tolleranza, mezzanotte, e vanno avanti fino alle due di notte. La sala, poi, deve essere messa a norma e lo stiamo facendo con i vigili del fuoco. Noi non vogliamo gestire direttamente il pluriuso, non abbiamo detto che non vogliamo darlo alla Pro Loco, vorremmo solo avere maggiori informazioni sugli eventi commerciali”

Commenti

Blogger: Mattia Aimola

Mattia Aimola
Senza peli sulla penna

Leggi anche

FIDASAUGURI!

FIDASAUGURI! Caro donatore/donatrice, il Direttivo Fidas di Favria Ti aspetta Sabato 14 dicembre 2019 dalle …

cesana

CESANA. Anziana con lividi al mercato, arrestato il figlio per maltrattamenti

I Carabinieri della Stazione di Cesana Torinese hanno arrestato in flagranza di reato un 45enne …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *