Home / Dai Comuni / SALERANO. Omaggio a Gaber nel parco di Villa Sclopis

SALERANO. Omaggio a Gaber nel parco di Villa Sclopis

La stagione culturale riparte  domenica prossima, 28 giugno presso il parco di Villa Sclopis con “Qualcuno era comunista” un celebre monologo di Gaber rappresentato per la prima volta nello spettacolo “Il teatro canzone”, nel 1991.

Lo spettacolo vede sul palco Federico Sirianni accompagnato dai musicisti “originali” del Teatro Canzone di Giorgio Gaber : Gianni Martini (chitarra), Claudio De Mattei (basso) e Luigi Campoccia (tastiere).

La consulenza artistica è di Arturo Brachetti

Con questo spettacolo – racconta Sirianni – cerco di ripercorrere alcuni pezzi di storia dello straordinario artista milanese scegliendo, tra le canzoni e i monologhi, quelli più significativi in ciò che veniva definito, in quegli anni belli e difficili, “il politico e il personale”. Un omaggio pieno di passione e rispetto per uno dei più straordinari uomini di spettacolo del Novecento italiano”.

Il percorso artistico di Federico Sirianni, pluripremiato cantautore genovese, nasce proprio assistendo, giovanissimo, agli spettacoli di Gaber al quale è legato artisticamente avendo lavorato, in più di un’occasione,  con alcuni dei suoi storici collaboratori come Brachetti e i musicisti del “Teatro Canzone”.

Arricchiscono lo spettacolo gli attori del gruppo artistico “LiberiPensatori Paul Valery” con la lettura di brani dal repertorio di Giorgio Gaber.

Commenti

Blogger: Maria Di Poppa

Maria Di Poppa
Letteralmente

Leggi anche

SETTIMO. Valerio Verde e il Viet Vo Dao… quando lo sport non è solo sport, ma molto di più

“Sono nato a Chivasso nel 1991, ma ho sempre vissuto a Settimo. Ero un bimbo …

Paola Gianotti è pronta per il Giro del Piemonte

CICLISMO. Il Giro del Piemonte di Paola Gianotti

Sabato 11 luglio Paola Gianotti tornerà in sella alla sua amata bicicletta per la prima …

Un commento

  1. Avatar
    Ricciardi Giuseppe

    Bellissima iniziativa. Quando si ricorda un grande come il Signor “G” non si può mai sbagliare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *