Home / Italia / ROMA. Violenza sulle donne anziane, +150% in 10 anni
Anziana picchiata
Anziana

ROMA. Violenza sulle donne anziane, +150% in 10 anni

La violenza sulla donne non ha età e colpisce anche le più anziane. Al punto che 2,5 milioni di italiane over 65 ogni anno sono vittime di abusi, violenze o truffe. E i maltrattamenti nei loro confronti, fisici, psicologici o verbali che siano, sono aumentati del 150% in 10 anni. Ad accendere i riflettori su un fenomeno frequente ma spesso taciuto, alla vigilia della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, sono gli esperti riuniti per il 60° Congresso della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria (SIGG), che si terrà a Napoli dal 25 al 28 novembre.

“Manca un quadro preciso del fenomeno”, spiega Nicola Ferrara, presidente della SIGG. Ma secondo dati elaborati dalla Società, “sarebbero 2.800 le anziane vittime di violenze sessuali, 600.000 di truffe finanziarie, 25.000 di violenze in strutture sanitarie”. E questa è la punta di un iceberg, perché gli episodi reali sarebbero quattro volte quelli denunciati, ovvero circa 2,5 milioni. Le violenze, infatti, avvengono quasi sempre in silenzio per evitare ‘scandali’. Altre volte, invece, le anziane tacciono “perché ritengono i maltrattamenti una modalità di relazione ‘normale'”, osserva Marco Trabucchi, presidente dell’Associazione Italiana di Psicogeriatria (AIP). I rischi maggiori si corrono nella propria abitazione. In due terzi dei casi l’aguzzino è un membro della famiglia, ma non mancano badanti, vicini di casa e operatori sanitari. “La metà dei caregiver”, anche a causa di un eccessivo carico di lavoro in condizioni difficili, osserva Trabucchi, “ammette di aver operato un qualche abuso, dall’alzare la voce a forme più gravi”. C’è poi, aggiunge, “lo sfruttamento dei soldi dell’anziana, che viene pressata psicologicamente e talvolta imbrogliata, fino a giungere alla violenza fisica”. Infine non mancano gli omicidi: sono 150 le over 65 uccise ogni anno.

“L’invecchiamento della popolazione e l’aumento del numero di anni trascorsi in condizione di dipendenza, ma soprattutto la riduzione delle reti familiari, accentuata dalla crisi economica, incrementano il pericolo di essere vittime di abusi”, secondo Flavia Caretta, responsabile Centro di Ricerca, Promozione e Sviluppo dell’Assistenza Geriatrica, Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. Per rispondere al problema, conclude Ferrara, “serve formare gli operatori sanitari al riconoscimento dell’abuso”, ma anche aiutare le donne a denunciare “istituendo un ‘Telefono Argento'”.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Leggi anche

MILANO. Salvini: “Tria? E’ tra i motivi per cui non c’è più il governo”

“L’ex ministro Tria è uno dei motivi per cui non c’è più il governo” gialloverde. …

ROMA. Ritirati farmaci con ranitidina, usata per l’acidità di stomaco: impurità cancerogena

L’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) ha disposto il ritiro dalle farmacie e dalla catena distributiva …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *