Home / Italia / ROMA. Un’offerta di De Benedetti per l’acquisto del 30% delle azioni di Gedi
CARLO DEBENEDETTI DE BENEDETTI

ROMA. Un’offerta di De Benedetti per l’acquisto del 30% delle azioni di Gedi

Nella lettera firmata dal presidente del consiglio di amministrazione di Romed, Luigi Nani, che contiene l”offerta irrevocabile’ per l’acquisto delle azioni Gedi, si legge che ‘l’esatto quantitativo dovrà essere determinato tenendo conto delle azioni costituenti il capitale sociale e di quelle che eventualmente lo costituiranno in funzione di stock option o altre operazioni sulle azioni. La presente Offerta Irrevocabile non è condizionata all’espletamento di alcuna due diligence, ferma restando la garanzia sui bilanci e sulle situazioni infrannuali pubblicati. La presenta Offerta Irrevocabile – si legge poi lettera – è subordinata alle seguenti condizioni: – che i componenti il consiglio di amministrazione di Gedi di nomina Cir rassegnino le proprie dimissioni entro due giorni lavorativi dal trasferimento delle azioni oggetto della presente offerta alla nostra società, ad eccezione dell’ing. John Philip Elkann e del dr. Carlo Perrone che potranno mantenere le attuali cariche e gli attuali poteri – e che, per le residue azioni che resteranno di sua proprietà, Cir si impegni a distribuirle ai propri soci (ovvero ai soci della società riveniente dalla fusione COFIDE/Cir) entro un anno dal trasferimento delle azioni oggetto della presente offerta alla nostra società. Vi saremo grati – conclude la lettera – se vorrete sottoporre la nostra proposta al vostro prossimo consiglio di amministrazione, rimanendo la presente offerta irrevocabile efficace fino al termine del secondo giorno di Borsa aperta successivo alla data dello stesso’.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Arresto

ROMA. Sicurezza: polizia ferroviaria arresta 6 persone nel weekend

13.138 persone controllate, tra queste 6 arrestate e 82 indagate: questo il bilancio dei controlli …

BOLOGNA. ancora troppo poche le donne sindaco

“Oggi le donne in ruoli amministrativi sono ancora poche, soprattutto nelle Regioni del Sud”. A …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *