Home / Attualità / ROMA. Università: 20 atenei italiani incontrano atenei giapponesi

ROMA. Università: 20 atenei italiani incontrano atenei giapponesi

Venti atenei italiani coordinati da Remo Morzenti Pellegrini, rettore dell’Università di Bergamo e referente CRUI, e 25 Atenei Giapponesi si sono incontrati per approfondire le caratteristiche dei sistemi educativi e di ricerca dei due paesi e le opportunità offerte, per stimolare l’internazionalizzazione. L’incontro di Networking si è tenuto nella giornata conclusiva del Salone “Studiare in Italia” organizzato dall’istituto di cultura italiana in Giappone e dell’ambasciata italiana a Tokyo. Hanno aperto il dibattito l’ambasciatore italiano in Giappone, Carlo Starace, e il direttore dell’istituto di cultura italiana in Giappone, Paolo Calvetti. A seguire Remo Morzenti Pellegrini e il prorettore all’internazionalizzazione dell’Università di Bergamo, Matteo Kalchschmidt, hanno illustrato il sistema formativo e la ricerca nel nostro Paese. “L’occasione ha permesso di confrontare due sistemi universitari di eccellenza e che possono profondamente beneficiare di una collaborazione strutturata e continua – ha dichiarato Morzenti Pellegrini – Questo è solo il primo di futuri incontri volti a stimolare le collaborazioni tra gli Atenei dei due paesi, con il coordinamento della CRUI e il supporto del Ministero”. La giornata si è conclusa con il ricevimento della delegazione italo-nipponica presso l’ambasciata italiana a Tokyo dove l’ambasciatore Starace ha presentato, attraverso una delegazione di Confindustria, il sistema delle imprese italiane dei settori agro-alimentare, fashion e design presenti in questi giorni a Tokyo per un evento internazionale.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

nucleare

Domani il primo Tavolo di trasparenza sul deposito nazionale dei rifiuti radioattivi

E’ stato convocato per domani pomeriggio in modalità da remoto il primo incontro informativo del …

Mercoledì pomeriggio i sindaci saranno online al “Tavolo di trasparenza e partecipazione”

Fin dal 2010, secondo quanto previsto dalla legge regionale “Norme sulla protezione dai rischi da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *