Home / Attualità / ROMA. Terrorismo, oggi 2 espulsioni. Già 32 nel 2018
terrorismo

ROMA. Terrorismo, oggi 2 espulsioni. Già 32 nel 2018

Un marocchino ed un egiziano sono stati rimpatriati oggi dall’Italia “per motivi di sicurezza nazionale”. E diventano così 32 le espulsioni nel 2018 che hanno colpito soggetti gravitanti negli ambienti dell’estremismo islamico, 269 dal 2015 ad oggi. Continua dunque lo stretto monitoraggio da parte delle forze dell’ordine verso persone potenzialmente pericolose.
Il primo provvedimento ha riguardato un marocchino di 34 anni residente nelle Marche. L’uomo, Soufiane Rahbi, è stato bloccato dai carabinieri del Ros e del comando provinciale di Ancona e nel pomeriggio è stato rimpatriato con un volo dall’aeroporto di Bologna. Il nome di Rahbi era emerso nel luglio del 2016 in seguito al sequestro di un cellulare, risultato rubato nella provincia di Macerata. Nel telefono i carabinieri hanno trovato diverso materiale riconducibile alla propaganda dell’Isis: un video di un uomo decapitato in Siria, un video contenente le indicazioni per realizzare un ordigno rudimentale a base di Tatp (triperossido di triacetone), sostanza estremamente instabile e largamente impiegata dalle organizzazioni terroristiche, un terzo video relativo ad un sermone di un imam dell’is. Il marocchino, inoltre, ha ripetutamente mostrato un atteggiamento antioccidentale e ha alterato il passaporto per ottenere il permesso di soggiorno.
Espulso poi anche un 28enne egiziano con volo da Torino diretto al Cairo. L’uomo, fa sapere il Viminale, era stato segnalato nell’ambito delle indagini sul fenomeno della radicalizzazione e del proselitismo dei detenuti islamici, “in quanto evidenziatosi, all’interno dell’istituto di pena ove era recluso, per reati contro la persona e per il forte ascendente esercitato, anche con condotte prevaricatorie, sui compagni di detenzione che ne hanno segnalato l’orientamento integralista”.
E’ stato inoltre accertato che l’egiziano aveva repentinamente cambiato le proprie abitudini, isolandosi dal resto della popolazione carceraria e assumendo arbitrariamente il ruolo di imam.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CHIVASSO. Coronavirus, lockdown, ripartenza e amici a quattro zampe: il racconto del dottor Muzio

Carlo Muzio, conosciutissimo veterinario chivassese che insieme al dottor Fernando Naretto e alla dottoressa Ilenia …

Mauro Salizzoni

Salizzoni candidato sindaco a Torino con l’appoggio di Chiamparino

Sarà anche solo un’idea ma sembra davvero una gran bella idea. Candidare a sindaco Mauro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *