Home / Italia / ROMA. Sisma Albania: 2 bimbi feriti vedono Buffon e Ronaldo
GIANLUIGI BUFFON

ROMA. Sisma Albania: 2 bimbi feriti vedono Buffon e Ronaldo

Due bambini albanesi, Aurelin e Alesjon, che erano rimasti feriti volando dalle finestre di un palazzo a Thumana, la notte del terremoto in Albania, hanno incontrato stasera in un albergo romano i loro idoli: Gianluigi Buffon e Cristiano Ronaldo. A portarli a Roma è stato il premier albanese Edi Rama che ha postato su Facebook il video dell’incontro. Rama ha raccontato la storia drammatica dei due piccoli, di 7 e 10 anni, che “hanno vissuto una tragedia, hanno perso dei parenti” e la loro passione per i due juventini. “Quando sono andato a trovarlo in ospedale dopo che era caduto dalla finestra, gli ho chiesto: ‘come hai fatto?’ Lui, Aurelin, mi ha detto: ‘Io amo Cristiano Ronaldo e ho volato”. Ronaldo gli ha quindi regalato la maglia, mentre Buffon ha consegnato la propria ad Alesjon, il bimbo più grande, prima di un grande abbraccio, una foto di gruppo e la firma del gagliardetto. Al termine dell’incontro, Rama ha ringraziato i due campioni e ammesso di essere un tifoso juventino: “La Juve è una religione in Albania e tu sei il papa”, ha detto a Buffon. “Domani abbiamo una partita importantissima ma vinceremo”, ha concluso il premier parlando di Lazio-Juventus all’Olimpico. “Una sorpresa per Aurelin e Alesjon, che dopo aver lasciato l’ospedale devono riprendere il cammino della vita, che gli auguriamo lunga e piena di salute e gioia”, ha poi commentato Rama su Facebook.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

ROMA. La seconda città al mondo per le ore perse nel traffico

Non solo inquina e mette alla prova la pazienza degli automobilisti, ma fa anche ‘sprecare’ …

MILANO. “Bday2020”, è iniziato il countdown. ReItalia c’è. E si mette l’abito della festa

Ci sono strade destinate a rincrociarsi. Ciclicamente. E, ogni incontro, non è mai banale. La …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *