Home / Calcio Italia / ROMA. Salvini: “No alla chiusura degli stadi”
Salvini

ROMA. Salvini: “No alla chiusura degli stadi”

Sì al ritorno delle trasferte collettive dei tifosi, no alla chiusura degli stadi ed alla sospensione delle partite in caso di cori offensivi. Si tratta di sradicare “seimila delinquenti”, ma il 99% dei 12 milioni di tifosi che ogni settimana vanno a sostenere la propria squadra è sano e va tutelato. Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini – memore dei suo trascorsi nelle curve per seguire il Milan – conferma la linea dialogante con i tifosi, che “vanno responsabilizzati”, alla riunione convocata alla Scuola di polizia con i vertici del mondo sportivo in seguito agli                 incidenti della notte di Santo Stefano a Milano, con la morte di Daniele Belardinelli ed i ‘buuh’ al giocatore del Napoli Koulibaly. Presente anche il sottosegretario con delega allo Sporti, Gianluca Giorgetti, che ha chiesto “certezza delle pene ed aggravanti” per i violenti.
Salvini ha premesso che “non si può morire di calcio nel 2018”, ma ha sottolineato i dati positivi sul fronte ultras registrati nella prima parte della stagione (luglio-novembre 2018): i feriti sono il 60% in meno dello stesso periodo dell’anno precedente, quelli tra gli agenti sono calati del 50% mentre si sono azzerati tra gli steward. Nel corso della riunione, c’è chi ha proposto una stretta sui cori razzisti ed uno stop agli striscioni offensivi. Ma il ministro ha frenato: “lo stadio deve essere colorato e colorito”. E quanto all’ipotesi di sospensione della partita in caso di cori razzisti, ha sottolineato, “è un tema molto scivoloso: rischiamo di mettere in mano a pochi il destino di tanti. Io preferisco prevenire e non lasciare potere di ricatto ad una frangia minoritaria. E poi è difficile trovare criteri oggettivi per la decisione”.
Il titolare del Viminale ha anche auspicato il ritorno delle trasferte collettive dei tifosi, “perchè sono più controllabili”, mentre si è detto “assolutamente contrario alla chiusura degli stadi ed al divieto di trasferte perchè è la resa dello Stato: bisogna garantire che chi sbaglia da tifoso paghi e chi sbaglia da tesserato paghi il doppio perchè ha responsabilità in più, ma no a sanzioni collettive, non è giusto che paghi un club, un’intera tifoseria o una città”. Ha quindi invocato le camere di sicurezza negli stadi e ribadito la volontà che i club contribuiscano alle spese per la sicurezza: nel 2018 sono stati impiegati ben 75mila agenti per gli eventi sportivi.
Giorgetti, da parte sua, ha chiesto a società e leghe di “impegnarsi sulle date e gli orari delle partite, che vanno regolati secondo precise esigenze” ed ha invitato tesserati e media a “non stimolare la retorica ultras che alimenta il proselitismo. Soprattutto i presidenti e i giocatori non devono gettare sempre benzina sul fuoco. Gli arbitri sappiamo che sbagliano ma bisogna cambiare culturalmente”.
Il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina, infine, ha messo sul tavolo la necessità di “semplificare la procedura per la sospensione di una partita in caso di cori discriminatori, pene più severe per chi commette illeciti, più controllo sui sottoposti a Daspo, maggior ruolo per gli steward”.

 

Decalogo Figc a Viminale, dissenso su orari gare e stop per cori

 

Orari delle partite e sospensione degli incontri in caso di cori discriminatori. Sono i due punti su cui non collimano i pareri tra responsabili dell’ordine pubblico e mondo del calcio, emersi nell’incontro convocato oggi a Roma dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini, sulla violenza e il razzismo dentro e fuori gli stadi. Peraltro, in quasi due ore di confronto e proposta presso la Scuola superiore di Polizia è stato comunque avviato un tragitto per giungere al risultato sperato. “È stato un incontro molto proficuo – ha commentato il presidente della Figc, Gabriele Gravina – per individuare percorsi specifici con l’obiettivo di soffocare i violenti. Abbiamo le idee chiare”.
Se da un lato Salvini ha ribadito i suoi dubbi sullo sospendere le partite in caso di cori offensivi, la Federazione ha insistito sulla questione, proponendo di semplificare la relativa procedura, con un primo richiamo con l’altoparlante a gioco fermo e a centrocampo e uno successivo negli spogliatoi, incentivando insieme comportamenti virtuosi da parte dei tifosi, anche sotto forma di esimenti, che stigmatizzino in maniera evidente tali atteggiamenti. Gravina ha ribadito poi che la responsabilità per la sospensione sia sempre riconducibile al delegato della sicurezza in servizio allo stadio e giammai agli arbitri. “Ognuno deve fare la sua parte, pur sapendo che sarà un percorso a medio-lungo termine, e la Figc sarà parte diligente in questo processo virtuoso che deve essere di contrasto ma anche di investimento nel futuro”, ha dichiarato il n.1 della Figc al termine della riunione durante la quale ha messo sul tavolo un ‘decalogo’ di argomenti su cui accelerare. Tra questi, l’applicazione del gradimento e del codice etico da parte dei club, il potenziamento del ruolo degli steward e degli Support Liaison Officer (Slo), rendere più efficace l’istituto del Daspo e inasprire le sanzioni per chi commette illeciti e reati.
Soddisfatto dell'”incontro positivo” si è detto il presidente della Lega serie A, Gaetano Miccichè, “perchè – ha sottolineato – è stata posta grande attenzione sulla necessità di avere pene severe verso i pochissimi che con i loro comportamenti rovinano e compromettono la bellezza del calcio”. C’è però la questione delicata delle date e degli orari delle partite, su cui secondo il sottosegretario Giancarlo Giorgetti leghe e società devono impegnarsi per regolarle anche secondo le esigenze della sicurezza.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CALCIO. Juve; coro bianconeri “stiamo uniti e lavoriamo”

La caduta della Juventus all’Olimpico di Roma ha fatto rumore, ben più del primo insuccesso …

Torino Calcio

CALCIO. Toro si risolleva, Fiorentina in piena crisi

Il Torino riprende quota, peggiorando la crisi della Fiorentina, e risponde ai contestatori che prima …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *