Home / Home / ROMA. “Pizza Awards Italia”, è di Pepe la migliore pizza d’Italia
Pizza
Pizza

ROMA. “Pizza Awards Italia”, è di Pepe la migliore pizza d’Italia

E’ un podio tutto campano quello della terza
edizione dei “Pizza Awards Italia”, Oscar della pizza italiana tenuto a
Roma negli spazi del Roma Convention Center La Nuvola in occasione della
rassegna enogastronomica “Excellence 2019”. A trionfare è Franco Pepe
con “Pepe in Grani”, pizzeria di Caiazzo (Caserta), che si è aggiudicata
un poker di riconoscimenti: Miglior Pizza d’Italia, Miglior Pizza
Tradizionale e Miglior Pizza della Campania. Pepe vince anche il premio
di Miglior Pizzaiolo dell’anno. I riconoscimenti dei “Pizza Awards
Italia” sono stati in totale 38 (18 nazionali e 20 regionali) assegnati
da 200 giornalisti accreditati. Il premio per miglior pizza
contemporanea e miglior pizza fritta va a “I Masanielli” (Caserta) di
Francesco Martucci. Teresa Iorio, de “Dalle Figlie di Iorio” di Napoli,
è vincitrice del titolo di Pizzaiola dell’Anno. Miglior Giovane
Pizzaiolo dell’anno è Luca Mastracci di Pupillo a Frosinone. La Miglior
Pizza Romana è quella di “180 g”. di Jacopo Mercuro e Mirco Rizzo a
Centocelle (Roma), il Miglior Format di Pizzeria quello di Pizzium a
Milano, la Miglior Carta dei Vini e delle Birre quella dei fratelli
Francesco e Salvatore Salvo a San Giorgio a Cremano. Miglior Pizza
Napoletana è “Le Parùle” di Pignalosa a Ercolano (Napoli). Premiati come
Ambasciatori della Pizza nel Mondo, Alessandro Condurro (L’Antica
Pizzeria da Michele) e Gino Sorbillo (Sorbillo ai Tribunali). Successi
regionali per “Seu Pizza Illuminati” (Lazio), “Da Zero” (Lombardia e
Basilicata), “I Tigli” (Veneto), “L’Apogeo” (Toscana), “400 Gradi”
(Puglia), “Piano B” (Sicilia).

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

MILANO. Capo ultrà Juventus condannato a 5 anni e mezzo

Cinque anni e mezzo di carcere, più dei quattro anni che aveva chiesto la Procura. …

Editoria

ROMA. Editoria: Fnsi, basta tagli unilaterali compensi lavoratori

“Gli editori rispettino chi lavora per loro, siano essi dipendenti o collaboratori. La pessima prassi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *