Home / Attualità / ROMA. Patuanelli, piano industriale per 10 anni. M5S riformisti
MARCELLO GAVIO BENIAMINO GAVIO

ROMA. Patuanelli, piano industriale per 10 anni. M5S riformisti

Intervistato da ‘La Repubblica’, il ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, conferma il suo sì alla revoca delle concessioni ad Autostrade, annuncia una chiamata collettiva ai capigruppo della maggioranza: “Scriviamo insieme il piano industriale dei prossimi dieci anni”, e conferma che la scelta migliore, per Alitalia, sarebbe la vendita dopo un risanamento “che non deve toccare i posti di lavoro”. Patuanelli dice anche la sua sul posizionamento del Movimento 5 stelle: “La sua sede naturale è il campo riformista” e se cambia lo statuto, “è tempo di una leadership collegiale”.
Alla domanda se come Cinque stelle sono disposti a trovare una mediazione nella vicenda della revoca della concessione ad Autostrade che divide il governo, risponde: “Non si tratta di mettere bandierine. La revoca è la conseguenza dei 43 morti nel crollo del ponte Morandi. Lo stato manutentivo delle strade gestite da Aspi fa percepire un senso di insicurezza ai cittadini che salgono in macchina”, “al di là di casi particolari – aggiunge – è innegabile che le verifiche sulle manutenzioni fatte da Aspi sono state più che negative. Non è una ripicca”. Alla domanda se a pagare devono essere i dipendenti, risponde: “Continuerà a esserci una rete autostradale e la necessità di manutenerla e di gestirla”, il problema sta nel sistema delle concessioni che non ha funzionato. Patuanelli torna quindi sull’idea di una nuova Iri: “Annuncio che, anche per parlare di questo, nelle prossime ore manderò un invito a tutte le forze di maggioranza: dobbiamo scrivere insieme il piano industriale dei prossimi dieci anni, scegliere le priorità di sviluppo economico del Paese”. Quindi, gli equilibri interni ai Cinque stelle. Se Grillo gli chiedesse di prendere il posto di Luigi di Maio? “Il capo viene eletto, non nominato”, risponde. Rivedere lo statuto? “Questa discussione sarà oggetto degli Stati generali. Credo ci possa essere l’esigenza di arrivare a una guida collegiale del Movimento. Ma Rousseau deve restare centrale perché è la piattaforma che ci consente di coinvolgere i cittadini nelle scelte”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

vaccino

Dal 26 ottobre in Piemonte la campagna di vaccinazione contro l’influenza

Lunedì 26 ottobre parte in Piemonte la campagna di vaccinazione per l’influenza. In base alle indicazioni …

Un nuovo portale per i servizi sanitari piemontesi

Un unico indirizzo on line, facile, veloce e sicuro, per utilizzare i servizi digitali della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *