Home / Italia / ROMA. Nucleare: Sogin apre porte 4 centrali in smantellamento
Nucleare
Nucleare

ROMA. Nucleare: Sogin apre porte 4 centrali in smantellamento

Scade domani il termine per prenotare sul sito www.sogin.it la visita alle centrali Caorso (Piacenza), Garigliano (Caserta), Latina e Trino (Vercelli) in fase di smantellamento. Si tratta dell’iniziativa “Open gate” lanciata da Sogin (la società di Stato responsabile dello smantellamento degli impianti nucleari italiani e della gestione dei rifiuti radioattivi), con la quale il 16 e 17 maggio i cittadini potranno visitare le quattro centrali. Nelle due giornate, le quattro centrali potranno accogliere complessivamente quasi tremila visitatori. Per partecipare all’iniziativa è necessario iscriversi entro domani, 3 maggio, attraverso la pagina dedicata sul sito internet www.sogin.it, inserendo i propri dati e allegando copia del documento di riconoscimento.
L’obiettivo è far conoscere il lavoro che Sogin porta avanti quotidianamente per terminare lo smantellamento degli impianti nucleari, “nel rispetto dei criteri di massima sicurezza, e di sensibilizzare sul tema della gestione dei rifiuti radioattivi, dal loro stoccaggio nei depositi temporanei alla sistemazione definitiva nel Deposito Nazionale. La sua realizzazione consentirà – spiega Sogin – di chiudere il ciclo elettronucleare nel nostro Paese”. L’evento “Open Gate”, primo del suo genere, conferma, aprendo le porte delle centrali nucleari ai cittadini, l’impegno di Sogin nel garantire informazione, trasparenza e partecipazione. In ciascuna giornata e per ogni percorso di visita, della durata di circa due ore, sarà possibile prenotarsi per uno fra i diversi turni programmati dalla mattina fino al tardo pomeriggio.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Leggi anche

GORIZIA. Contrabbando gasolio da Est Europa, 3 arresti e 83 denunce

E’ di 3 arresti e 83 denunce il bilancio di una vasta operazione della Guardia …

ROMA. Ancora ventenni morti sulle strade, ma morti in calo

Ancora morti sulle strade, tutti giovani e giovanissimi. La triste realtà dei 12 morti della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *