Home / Attualità / ROMA. Le case farmaceutiche si spartiscono il commercio sui medicinali per l’epatite C
Guariniello
Guariniello

ROMA. Le case farmaceutiche si spartiscono il commercio sui medicinali per l’epatite C

Per stabilire a quanto vendere i propri medicinali per l’epatite C le grandi case farmaceutiche hanno ripartito i Paesi del mondo in quattro grandi blocchi: l’Italia si trova nella fascia più alta, quella in cui i prodotti possono essere proposti a un prezzo maggiore. E’ quanto dice uno dei rapporti acquisiti dal pm Raffaele Guariniello nell’ambito di un’inchiesta sulla disponibilità del Sofosbuvir, il ‘superfarmaco’ contro l’epatite C.
Secondo il resoconto, del quale il magistrato vaglierà il grado di attendibilità, le industrie si basano su parametri come il Pil e il numero di malati. Per l’Italia la stima è che ci siano un milione e mezzo di persone “potenzialmente infette” dal virus dell’epatite C. Ecco perché si trova nel blocco più alto insieme a Paesi come gli Stati Uniti e il Giappone.

Commenti

Blogger: Andrea Bucci

Andrea Bucci
Minuto per minuto

Leggi anche

Un nuovo portale per i servizi sanitari piemontesi

Un unico indirizzo on line, facile, veloce e sicuro, per utilizzare i servizi digitali della …

tamponi chivasso

Troppe code, tamponi nel week end a Settimo, Castellamonte e Chivasso

Tamponi anche nei fine settimana a Settimo Torinese, Castellamonte e Chivasso. Troppe code, troppe persone …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *