Home / Attualità / ROMA. Giornate Fai: boom per i monumenti, 700 mila visitatori
Museo delle scienze naturali
Museo delle scienze naturali

ROMA. Giornate Fai: boom per i monumenti, 700 mila visitatori

Boom di visitatori  per le giornate Fai di Primavera: circa 700.000 persone si sono messe in coda per visitare gli oltre 900 beni aperti in 380 località in tutta Italia. La regione che ha fatto registrare il record è stata la Lombardia dove oltre 150.000 persone hanno visitato i 131 beni aperti. Per le città il primo posto va a Messina: 20 mila visitatori hanno ammirato la Cripta del Duomo.

“Le Giornate di Primavera – spiega il Fondo per l’ Ambiente Italiano nel rendere noto il bilancio conclusivo – si attestano ancora una volta come il più grande evento di piazza dedicato ai beni culturali. Un’invasione pacifica e gioiosa, ricca di significati e di emozioni, un’occasione per ‘convivere e condividere”, per sentirsi parte della grande comunità che ama il proprio Paese e difende le proprie ricchezze, resa possibile grazie al fondamentale supporto di oltre 7.000 volontari e 30.000 Apprendisti Ciceroni”.

Il bene più visto è risultato, appunto, la Cripta del Duomo di Messina: aperta nel 2009 dopo lavori di restauro è rimasta comunque chiusa in attesa di un recupero che la renda definitivamente fruibile. A Cagliari quasi 10.000 persone hanno visitato il Complesso del Noviziato dei Gesuiti e di San Michele; a Bari oltre 7.000 persone in coda per la visita in anteprima al Cantiere del Teatro Piccinni; a Roma la Villa del Sovrano Ordine di Malta (aperta solo domenica per tutti) ha creato lunghissime code e oltre 7.000 persone hanno potuto ammirare la villa, il giardino e la chiesa con la facciata di Piranesi; 6.000 persone per il Padiglione Reale della Stazione Centrale a Milano, inaugurato nel 1931 per accogliere la famiglia Savoia e per il Deposito Rotabili Storici di La Spezia.

Grande affluenza anche per Palazzo Tosio a Brescia e per la Villa Colle del Cardinale a Perugia, entrambi visti da oltre 5.500 persone; per l’Oratorio di San Giovanni Battista dei Fiorentini a Bologna e il Castello di Gagliano (AQ) quasi 5.000 visitatori. Tra i beni del FAI i più visti sono stati Villa del Balbianello a Tremezzina (CO) con oltre 6.500 visitatori e il Parco e Villa Gregoriana a Tivoli (Roma) con quasi 5.000 persone.

Le Giornate Fai si sono svolte sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, l’alto Patrocinio del Parlamento Europeo, con il Patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, con la collaborazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Protezione Civile, con il concorso di numerose Regioni Italiane.

Con il Patrocinio di RAI-Segretariato sociale.

Il FAI ringrazia gli sponsor – Ferrarelle, Banca Generali, Tavernello – e tutti i proprietari e gestori di monumenti che hanno permesso l’apertura dei loro beni, Province, Comuni, Soprintendenze, Università, Enti Religiosi, FIAB – Federazione Italiana Amici della Bicicletta, il FEC – Fondo edifici di culto, le Istituzioni Pubbliche e Private, i privati cittadini e tutte le aziende che hanno voluto appoggiare la Fondazione, oltre alle 117 Delegazioni, ai 78 Gruppi FAI e ai 72 Gruppi FAI Giovani e ai 7.000 volontari che con il loro lavoro capillare e la loro collaborazione hanno reso possibile l’evento. I visitatori anche quest’anno sono stati accompagnati da guide d’eccezione: sono stati oltre 30.000 gli Apprendisti Ciceroni©, giovani studenti che hanno illustrato aspetti storici e artistici dei monumenti.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Avatar

Leggi anche

L’assessore regionale Andrea Tronzano riconosce il ruolo dell’informazione

“Aiutare il mondo dell’informazione e dell’editoria che nonostante il periodo del lockdown ha continuato con …

Dalle zucchine alla pummarola. L’estate della Senatora Virginia Tiraboschi

C’è Facebook ma c’è anche Instagram. Qui funziona così. Pubblichi una foto, la commenti e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *