Home / Italia / ROMA. Gelo Salvini-Conte, sfida M5s-Lega si sposta su manovra
salvini

ROMA. Gelo Salvini-Conte, sfida M5s-Lega si sposta su manovra

E’ l’ora del grande gelo, a Palazzo Chigi. Matteo Salvini e Luigi Di Maio si vedono, per la prima volta a tu per tu da settimane, senza avvertire Giuseppe Conte. Riannodano i fili di un dialogo ma non accorciano le distanze: sulla manovra tra M5s e Lega sono già botte da orbi. Ma è con il premier che la tensione è ai massimi livelli. E’ la scena a raccontarlo. Mentre i due vicepremier sono riuniti nella sede della presidenza, il presidente del Consiglio esce a piedi per andare a pranzo in un ristorante di sushi con il suo staff. “Dobbiamo lavorare, non chiacchierare”, dice lapidario. E respinge sdegnato i sospetti nati nello stesso governo: “E’ pura fantasia che io voglia una nuova maggioranza o farmi un partito”. Le incognite che gravano sul governo sono ancora molte. Tanto che un dirigente pentastellato ammette: “Al di là dei singoli temi non so se sia recuperabile il rapporto con la Lega”. Conte avrebbe chiarito con Di Maio la vicenda dell’uscita dall’Aula dei senatori M5s mercoledì, mentre lui parlava. Ma tra i Cinque stelle l’insofferenza monta e le fibrillazioni non si arrestano dopo il via libera alla Tav: il timore è che il gruppo possa non reggere nel voto al Senato sul decreto sicurezza bis, con una fronda di dissidenti che con il loro No aprirebbero la crisi di governo. Già alla Camera in 17 non votano e Roberto Fico esce dall’Aula. La temperatura è rovente però soprattutto tra Conte e il vicepremier leghista. Conte viene descritto parecchio irritato per essere stato accusato di un tentativo di ribaltone e lo dice: in caso di governo “andrei in Parlamento per trasparenza e non per una nuova maggioranza”, bisogna “volare alto” e non ragionare “con i peggiori schemi della prima Repubblica”. Ma Salvini scrolla le spalle. E contrattacca. “Mi interessano meno di zero” le parole di Conte su Savoini, dichiara nelle ore in cui il Pd formalizza la mozione di sfiducia nei suoi confronti (in questo caso in soccorso dovrebbero comunque venire i voti del centrodestra). E sul sì alla Tav pungola Conte: “Avrà studiato e capito quel che noi sapevamo”. Nel pomeriggio il premier riunisce a Palazzo Chigi, con Di Maio e Giovanni Tria, le parti sociali in vista della manovra. I lavori “ufficiali” iniziano in questo momento, dice ai sindacati, derubricando il vertice al Viminale. “Il vero vertice è questo”, gongola il M5s. Che depotenzia la flat tax con la proposta di un taglio al cuneo fiscale da 4 miliardi e sbandiera il principio di “progressività” come irrinunciabile. “Quattro miliardi sono pochi, serve coraggio”, ribatte la Lega, mentre Salvini chiede di sfidare l’Ue e dice di non avere ancora “capito” qual è l’idea di manovra. E’ quello il prossimo fronte, mentre tanti altri restano ancora aperti. Sull’autonomia la prossima settimana si affronterà la questione fiscale ma intanto, dopo un incontro di Conte con Stefani e Bonisoli, non si sciolgono neanche i nodi sui beni archeologici. La Lega è in pressing anche sulla Gronda. E sarebbe ancora lontana la soluzione del rebus commissario Ue. Resta sul tavolo l’ipotesi rimpasto. Nel faccia a faccia con Di Maio, Salvini lamenta scelte e dichiarazioni del ministro ai Trasporti Danilo Toninelli: i no più pesanti sono venuti da lui. Ma il capo M5s ribatte che anche su scuola, agricoltura e turismo (titolari i leghisti Bussetti e Centinaio) il governo non brilla. Sullo sfondo, resta il rischio di una crisi. Perché è vero che Salvini dopo aver parlato per un’ora con Di Maio dichiara che il governo “va avanti”. Ma in casa Lega, pur raccontando un rapporto personale buono, smorzano l’ottimismo di fonti pentastellate che descrivono i due vicepremier andare avanti “spalla a spalla”. Nella maggioranza si diffonde l’impressione di un asse tra i leader di M5s e Lega che esclude Conte. Ma anche questa immagine i leghisti smentiscono. Il punto, affermano, è che la durata del governo si misurerà sulle cose concrete: non servono faccia a faccia, ma – è la linea – risposte. E serve un premier, chiosa un deputato, che torni al suo ruolo di arbitro, senza protagonismi.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

ROMA. Autostrade: sciopero 25-26; Aspi rafforza presidi e assistenza

In vista dello sciopero nazionale indetto dalle organizzazioni sindacali di categoria (dalle 10.00 alle 14.00 …

AOSTA. Morti travolti da albero, due indagati per omicidio colposo

Due persone sono indagate dalla procura di Aosta per omicidio colposo in relazione alla morte …

Un commento

  1. Agostino Nigretti

    Parole, parole calma popolino, la prova e conferma l’abbiamo avuto con l’incoronamento della Madonna Tedesca, la quale ha rischiato di provocare una strage di finanzieri pur di far sbarcare il prezioso carico di clandestini palestrati. Italia Colonia strategica zavorra clandestini, stupratori, zingari e delinquenti stranieri per sistemarli in tutte le altre Colonie Europee aggregate come greggi di pecore nel guerrafondaio parassita usuraio pachiderma UE-NATO. I Clandestini spacciati come gli ebrei perseguitati ed i nostri valorosi emigranti. Ecco la sacra famiglia del terzo millennio da adorare e venerare: “Macron Dio in terra assieme alle Madonne e Cristi che governano il Pachiderma guerrafondaio UE-NATO e la Colonia preferita Italia agli ordini dei padroni del mondo”(America-Vaticano-Inghilterra-Israele), indispensabile per governare il mondo (la Russia non conta nulla, è accerchiata-sanzionata-umiliata e presto sarà invasa militarmente). Tutto è pianificato e presto anche il popolo francese sarà portato alla catastrofe come hanno fatto con il popolo Greco e Italiano. La cosa più grave è il silenzio delle massime autorità Istituzionali nominate per spartizione politica con l’aggravante che si fanno vedere che vanno a Messa, fanno la comunione e poi usano le chiese per fare politica. Ecco il perché il Papa, Mattarella, Conte, UE, UNICEF e L’ONU fanno miracoli per pubblicizzare l’accoglienza clandestina usando leva pietista. L’ONU, prima ha sostenuto le guerre d’occupazione con la distruzione dello stato Serbia-Iraq-Siria-Libia, adesso sostiene l’invasione clandestina trasportata dalle ONLUS ed è per questo che hanno Santificato la Madonna Taxi “Carola Rackete” del rimaniamo umani usando leva pietista-vittimista (Carola Rackete ha violato le leggi nazionali e con Sea Watch 3 ha forzato il blocco imposto dalla Guardia Costiera che per miracolo non ha ucciso 5 agenti della Guardia di Finanza, però se un italiano non si ferma a un posto di blocco viene arrestato e lasciato crepare in carcere) e peggio favoriscono l’uso delle chiese per fare propaganda politica facendo leva sul falso pietismo spacciando i giovani palestrati fuggiti dalle guerre o provenienti dallo Yemen; però guarda caso, l’ONU,UNICEF, Vaticano, politici traditori della Patria e nessuna Onlus-cooperativa-associazione No Profit interviene ad aiutare i poveri bambini che crepano nello Yemen e in Africa.Quali vite salvano? Di sicuro non salvano i bambini tolti ai genitori per darli in affidamento, quelli poveri e chi crepa di fame e sete in Africa, salvano solo gli affari del business delle adozioni, quelli dell’accoglienza e la governance Colonia Italia usata come zavorra dalla UE-Nato. L’espulsione della Madonna è conferma che è stato un teatrino politico pianificato salva Mattarella con la Giustizia gestita dal CSM spartito politicamente ed ministri imposti leccaculi UE-NATO. Serve una vera guerra per fare giustizia e pareggiare i conti. Gli italiani vengono spremuti con tasse, super multe e portati al suicidio con richieste di denaro tramite cartelle di oltre 5 anni dell’INPS e Agenzia delle Entrate ed in più tasse su tasse, mentre ai clandestini, magistrati corrotti, stupratori, politici traditori della Patria e buonisti dell’accoglienza possono infrangere la legge ed essere giustificati, premiati, finanziati e venerati, proprio come è successo con i responsabili della strage della funivia del Cermis a Cavalese del 3 febbraio 1998, causato dal pilota di un Grumman EA-6B Prowler statunitense del Corpo dei Marines. L’aereo, decollato dalla base aerea di Aviano, senza contare i rapimenti e …….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *