Home / Attualità / ROMA. Fai: 18 ottobre torna la Faimarathon in 130 città
Fai
Fai

ROMA. Fai: 18 ottobre torna la Faimarathon in 130 città

La monumentale Chiesa di S. Giovanni a Carbonara e S. Lazzaro degli Armeni a Venezia. Il Monte di Pietà voluto da Federico Il Moro a Milano e Palazzo Fizzarotti a Bari, fino ai giardini di Palazzo Rocca ad Alcamo (TP). Si torna a scoprire l’Italia della bellezza, passeggiando tra tesori spesso chiusi al pubblico, con la quarta edizione della Faimarathon, l’appuntamento del Fondo Ambiente Italiano realizzato grazie alla partnership con Il Gioco del Lotto, in programma il 18 ottobre come momento clou della campagna di raccolta fondi Ricordiamoci di salvare l’Italia, attiva per tutto il mese.
In tutto, più di 500 luoghi tra palazzi, chiese, teatri, in 130 città, aperti a contributo libero e illustrati da 3.500 volontari, lungo percorsi da scoprire liberamente, senza punti di partenza o arrivo, per intero o in parte. Ma quest’anno la Faimarathon cambia anche passo e, arruolato il biker Vittorio Brumotti come testimonial, per la prima volta lascia scegliere 55 itinerari ai ragazzi dei Gruppi Fai Giovani.
“Bisogna avvicinare paesaggio e patrimonio alle persone – spiega il presidente del Fai Andrea Carandini – Trascinare via le masse dai centri commerciali o dai telefonini e fare in modo che la cultura non sia più per un’elite, ma un divertimento per tutti. Dopo un lungo tempo di tutela autoreferenziale è arrivato il momento di ricostruire la fiducia tra cittadini e Stato. Il Fai può dare mano, incoraggiando l’Italia ad amare il nostro patrimonio come amano casa loro”.
“Mi chiedo davvero perché si è perso tanto tempo, quale sordità ha potuto creare una diffidenza o comunque una mancanza di collaborazione tra Ministero e Fai, visto che abbiamo esattamente gli stessi obbiettivi, a partire dall’Italia come museo diffuso”, commenta il Ministro dei beni culturali e del turismo, Dario Franceschini. “La riscoperta di questi luoghi – dice – non è solo un dovere, ma una necessità, visti i flussi di turismo internazionale che nei prossimi anni sovraffolleranno le nostre delicate città d’arte. Mentre poi luoghi stupendi ‘minori’ non sono visitati. Cosa ci può essere di più utile per una comunità nazionale di aver pubblico e privato che collaborano su questo?”, incalza il ministro, che dopo l’ingresso di ieri di Enel al Maxxi oggi firma anche il decreto per affidare ancora a privati, no profit, dieci siti chiusi al pubblico per mancanza di risorse o personale.
Intanto, il 18 ottobre, prosegue il vicepresidente del Fai, Marco Magnifico, “la Faimarathon rivelerà posti davanti ai quali passiamo tutti i giorni, ma senza accorgerci che esistono. Per la prima volta abbiamo scelto un tema a città e i nostri ragazzi hanno suggerito siti che non ci sarebbero mai venuti in mente”.
Come la Modena della Street Art e i suoi graffiti al Palamolza.
Ma ci sarà anche la Venezia degli Armeni, con visite all’Isola di S. Lazzaro accompagnati dai monaci; la Bologna della musica, con i mitici Fonosprint Studios dove incidevano Lucio Dalla e Paolo Conte e la Regia Accademia Filarmonica. E poi, il cuore di Milano, con gli Archivi della Ca’ Grande; il mare di Trieste, con l’Ursus, l’imponente gru che domina il porto; o la “grande bellezza nascosta” di Napoli, con il Cabinet del Duca a Palazzo Saluzzo di Corigliano. Tra i luoghi di quest’Italia da riscoprire, anche monumenti restaurati con i proventi del Gioco del Lotto, come la cinquecentesca Villa Poniatowski e i depositi della GNAM a Roma (città dell’Esposizione universale del 1911), o il Fossato del Castello Normanno-Svevo a Bari. “Il nostro obbiettivo – conclude Enrica Ronchini, responsabile relazioni esterne di Lottomatica – è costruire un senso comune della bellezza, che ci porterà al rispetto del nostro patrimonio, cuore e identità del paese”.
Info: www.fondoambiente.it

Commenti

Blogger: Andrea Bucci

Andrea Bucci
Minuto per minuto

Leggi anche

L’assessore regionale Andrea Tronzano riconosce il ruolo dell’informazione

“Aiutare il mondo dell’informazione e dell’editoria che nonostante il periodo del lockdown ha continuato con …

Dalle zucchine alla pummarola. L’estate della Senatora Virginia Tiraboschi

C’è Facebook ma c’è anche Instagram. Qui funziona così. Pubblichi una foto, la commenti e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *