Home / Italia / ROMA. Expo 2020: Glisenti, all’Italia ritorni per 1,6 miliardi
PAOLO GLISENTI COMMISSARIO GENERALE D'ITALIA A EXPO 2020 A DUBAI

ROMA. Expo 2020: Glisenti, all’Italia ritorni per 1,6 miliardi

Non solo Made in Italy, ma anche turismo, formazione e investimenti. Da Expo Dubai 2020 si attende un cospicuo ritorno per diversi settori, con una stima della School of management del Politecnico di Milano che parla di ricadute sul sistema economico italiano per 1,6 miliardi di euro per ognuno dei 5 anni successivi all’Expo. A snocciolare queste cifre è stato il commissario generale di sezione per l’Italia per Expo Dubai 2020, Paolo Glisenti, durante un’audizione tenutasi su questo tema in commissione Cultura della Camera. Questo importo “è in parte dovuto alla promozione del Made in Italy ma anche a quella del turismo e alle attività di attrazione degli investimenti”, ha aggiunto sempre Glisenti, spiegando che si tratta di un’occasione importante “su cui abbiamo trovato grande sostengo e interesse da parte di soggetti e autorità culturali”. Il padiglione italiano ospiterà – sempre secondo le previsioni – circa 30 mila visitatori al giorno e 5,5 milioni nel corso dei 6 mesi d’esposizione. Di questi, come ha spiegato Glisenti, “solo 200-250 mila saranno forse italiani”. La grande maggioranza, oltre 5 milioni, verranno infatti da un’area “molto più ampia degli Emirati, visto che l’Expo è destinato ad attirare circa 20-25 milioni di visitatori da Cina, India, Sud Est Asiatico, Africa settentrionale, Mediterraneo e naturalmente Europa”, ha specificato il commissario. Nel padiglione – che comincerà a essere costruito entro dicembre – si terranno più di 100 grandi eventi con orchestre e cori giovanili, danzatori, designer e molto altro. La struttura sarà collocata “in un punto strategico”, ossia proprio “accanto all’India e alla Germania, di fronte all’Arabia Saudita e al Giappone, all’uscita del padiglione degli Emirati Arabi in quella che sarà la colonna vertebrale del sito”. Ad oggi, l’Italia è il paese “con il più forte programma educativo per Expo 2020 – ha continuato il commissario – Sui 14 paesi che dedicheranno un focus specifico all’education, noi siamo stati designati i leader”. Più che inserire nuove voci di spesa nella prossima legge di bilancio, il commissario ha chiesto aiuto ai deputati “nell’indirizzare – anche solo in parte – le risorse finanziarie destinate alle celebrazioni (come ad esempio quelle per l’anniversario di Raffaello) ad Expo 2020”. Un’operazione utile soprattutto per favorire la presenza delle regioni. Attualmente, sono già 8-9 quelle che hanno formalizzato la loro partecipazione.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

ROMA. Il maltempo flagella l’Italia, allerta in 11 Regioni

Neve, mareggiate, acqua alta. L’ondata di maltempo portata da una perturbazione atlantica continua a flagellare …

ROMA. Turismo: 100 case 100 idee, host alle primarie ospitalità

Più di 2000 iscritti e 100 tavoli di confronto in altrettante località. Tutti insieme per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *