Home / Attualità / ROMA. Da denti a colesterolo, oltre 200 esami sotto lente
dentista
dentista

ROMA. Da denti a colesterolo, oltre 200 esami sotto lente

Dall’estrazione e ricostruzione dei denti alla radiologia diagnostica comprendente risonanze e tomografie, dalle prestazioni di laboratorio come l’esame del colesterolo alla medicina nucleare e gli esami di genetica: sono 208 le prestazioni e gli esami che finiscono sotto ‘stretta osservazione’ con il decreto sull’appropriatezza, in vigore da gennaio, e al centro dell’incontro di oggi al ministero con medici e regioni per chiarire alcune criticità segnalate dalle organizzazioni mediche. Obiettivo è evitare esami e viste inutili che costano ogni anno al Servizio sanitario nazionale (Ssn) circa 13 mld di euro.
Vengono dunque precisate le ‘condizioni di erogabilità per le prestazioni ‘sotto la lente’, ovvero i criteri in base ai quali il medico può prescrivere al paziente quella determinata prestazione a carico del Servizio sanitario nazionale. Per quanto riguarda ad esempio le condizioni di erogabilità delle prestazioni odontoiatriche, potranno usufruirne gratuitamente – oltre ai già previsti interventi legati alla prevenzione – i bambini da 0 a 14 anni in condizioni di ”vulnerabilità sanitaria” (ovvero, condizioni di tipo sanitario che rendono indispensabili o necessarie le cure odontoiatriche) o di ”vulnerabilità sociale” legate alle condizioni economiche.
Anche per l’erogazione delle dentiere sono previsti gli stessi criteri. Rispetto invece a prestazioni come le risonanze magnetiche, è previsto che siano ”erogabili” in particolari condizioni legate ad esempio a patologie oncologiche o traumatiche.
Lungo pure l’elenco delle prestazioni di laboratorio. Tra gli esami ‘sotto monitoraggio’, ad esempio, quello del colesterolo totale: le condizioni di erogabilità prevedono che sia “da eseguire come screening in tutti i soggetti di età superiore a 40 anni e nei soggetti con fattori di rischio cardiovascolare o familiarità per dislipidemia o eventi cardiovascolari precoci.
In assenza di valori elevati, modifiche dello stile di vita o interventi terapeutici – si precisa – l’esame è da ripete a distanza di 5 anni”.
Ci sarà anche una stretta sui test genetici e su quelli per le allergie: questi test, assieme a vari altri, infatti, potranno essere eseguiti a carico del Ssn solo in casi precisi e se a prescriverli sarà uno specialista.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Avatar

Leggi anche

CORONAVIRUS

CORONAVIRUS. Sono 119 i morti nelle ultime 24 ore, in totale 32.735

Sono 119 i morti per coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia. In totale i …

File al fianco di “La Gente d’Italia”. Querele temerarie e minacce…

La Federazione Italiana Liberi Editori (File), a cui anche questa testata aderisce, esprime grande sdegno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *