Home / Italia / ROMA. Cimice: Agrinsieme, danni per oltre 500 mln servono risposte
GIANPAOLO GIAN PAOLO VALLARDI PRESIDENTE AGRICOLTURA DEL SENATO

ROMA. Cimice: Agrinsieme, danni per oltre 500 mln servono risposte

La priorità deve essere individuare risorse economiche per dare un sollievo immediato ai frutticoltori maggiormente danneggiati, così da andare a supportare il reddito dei tantissimi agricoltori che hanno visto le loro produzioni drasticamente ridotte o distrutte; in caso contrario, si registrerà un picco negli abbattimenti dei frutteti e il danno strutturale al valore aggiunto creato dalla filiera ortofrutticola sarà perenne. E’ l’allarme lanciato da Agrinsieme, ricevuto dal ministero delle Politiche agricole e dai presidenti delle commissioni Agricoltura del Senato, Gianpaolo Vallardi, e della Camera, Filippo Gallinella, in merito alla crisi causata al comparto agricolo dalla cimice asiatica. Ad oggi, fa notare il coordinamento che riunisce le Organizzazioni professionali Cia-Agricoltori italiani, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative Agroalimentari, “non risulta concretamente disponibile od operativo nessuno degli strumenti individuati o promessi dalle Istituzioni, a qualsiasi livello” . “Nella sola Emilia-Romagna – ricorda Agrinsieme – la cimice asiatica, o Halyomorpha halys, ha colpito tutte le principali colture frutticole, causando danni stimabili in oltre 500 milioni di euro, con perdite della produzione che vanno dal 70-80% al 100%, con gravissime ripercussioni sul territorio e sull’indotto in termini di occupazione e, in prospettiva, sulla competitività dell’intero tessuto produttivo regionale”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

TORINO. Il 31 gennaio tre presidi dei lavoratori Manital

Le organizzazioni sindacali rendono noto che, in occasione dell’udienza presso il tribunale delle imprese di …

ROMA. Scuola: 60% da istituti professionali occupati entro 2 anni

Circa il 60% degli studenti provenienti dagli Istituti professionali italiani risulta occupato nei due anni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *