Home / Italia / ROMA. Beni culturali: Fiume Oreto 1/o tra Luoghi del cuore Fai

ROMA. Beni culturali: Fiume Oreto 1/o tra Luoghi del cuore Fai

Il Fiume Oreto a Palermo, che fu testimone dell’assalto di Asdrubale. Il Bosco ai Prati di Caprara a Bologna, vero polmone verde dentro al tessuto urbano.
E il Castello Aragonese a Taranto, che Ferdinando II edificò alla fine del ‘400. Sono i tre beni più votati, sino a oggi, nella 9/a edizione dei Luoghi del cuore, censimento promosso dal Fondo Ambiente Italiano con Intesa Sanpaolo. Una classifica ancora parziale (si vota fino al 30/11), che in due mesi ha già raccolto più di 300 mila voti per 20 mila luoghi da salvare. Le regioni più attive, Puglia, Sicilia, Lombardia ed Emilia Romagna. La classifica prosegue infatti con il Trabocco Turchino a Marina di San Vito (CH) al 4/o posto e poi la Chiesa di San Francesco a Pisa, l’Antico Stabilimento termale di Porretta Terme (BO), la Basilica di Santa Giulia a Bonate Sotto (BG), il Santuario della Madonna della Scala a Massafra (TA), il Borgo di Rasiglia a Foligno (PG), l’Abbazia di San Michele Arcangelo a Lamoli di Borgo Pace (PU). Tra i più votati anche due beni di grande valore simbolico come il borgo di Castelluccio di Norcia (PG) e la Chiesa di San Salvatore a Campi di Norcia; insoliti come il Sentiero delle Ripe a Muro Lucano (PZ); o già segnalati come il Castello di Sammezzano a Reggello (FI). Ai primi tre classificati, rispettivamente 50mila, 40mila e 30mila euro.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Coronavirus, "Dobbiamo affrontare una fase storica particolare che deriva anche dalla situazione di emergenza che viene dall'Asia

MILANO. Coronavirus: Di Maio, 2 marzo tavolo con imprese a Farnesina

Coronavirus, “Dobbiamo affrontare una fase storica particolare che deriva anche dalla situazione di emergenza che …

Salvini, prima la svolta: "Se le regole Ue non cambiano, facciamo come gli inglesi". Poi la frenata sull'Italexit "Lavoriamo per il Conte-exit".

MILANO. Salvini, o Ue cambia o facciamo come inglesi. Poi frena

Salvini, prima la svolta: “Se le regole Ue non cambiano, facciamo come gli inglesi”. Poi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *