Home / Italia / ROMA. Ancora ventenni morti sulle strade, ma morti in calo
ambulanza

ROMA. Ancora ventenni morti sulle strade, ma morti in calo

Ancora morti sulle strade, tutti giovani e giovanissimi. La triste realtà dei 12 morti della notte scorsa ricorda il persistere di un’emergenza: secondo l’Aifvs, l’Associazione dei familiari e vittime della strada, nel 2017 sono stati 668 i ragazzi con meno di 29 anni morti sulle nostre strade, 35 in meno rispetto alle 703 vittime dell’anno precedente. Il dato coincide con la flessione del 3% degli incidenti stradali registrato dall’Istat nei primi 6 mesi del 2018, da cui discende un calo delle vittime dell’8% e dei feriti del 3%. Questa tendenza, rispetto allo stesso periodo di un anno, in effetti avvicina in qualche modo il dato italiano al target fissato dall’Ue di riduzione del 50% dei morti sulle strade entro il 2020. Ma, avverte l’Asaps, i gravissimi incidenti della notte scorsa “ripropongono in modo prepotente il problema delle stragi del sabato sera”. In più, osserva ancora il Portale della sicurezza stradale, al momento si registrerebbe una carenza di etilometri, gran parte dei quali “fermi in revisione nei due banchi prova disponibili al Mit”, il tutto unito a un calo delle pattuglie, soprattutto strade nelle statali e provinciali, e all’assenza di “vere campagne informative antialcol”. Tornando alle giovani vittime della strada, l’Istat ricorda come nel 2017 tra i ventenni il numero più alto di morti sarebbe stato compreso nella fascia 25-29 anni, con ben 251 vittime, ambito seguito da quelli con 20-24 anni con 232. Fa impressione poi il dato relativo tra i 10 e i 19 anni, con ben 160 vittime. Tuttavia, evidenzia l’Istituto di statistica, rispetto all’anno precedente le percentuali di morti fanno segnare un calo rispetto al 2016, almeno per quanto riguarda le vittime con un’età compresa tra i 10 e i 24 anni. In aumento invece il dato sui morti nella forchetta 25-29 anni, che fa segnare un +6,4%. I dati generali più recenti fanno intuire una riduzione del numero degli incidenti mortali, come evidenzia ancora l’Asaps, a detta della quale, ad esempio, nel week end 29 giugno-1 luglio scorso il numero dei sinistri avrebbe fatto segnare un calo rispetto allo stesso periodo dello scorso anno – 681 contro i 686 del 2018 – con 592 feriti (contro i 565 di un anno prima) e 23 vittime, 10 delle quali con un’età inferiore ai 30 anni. Dati che fanno pendant con la fotografia scattata da Aci e Istat nel primo semestre dello scorso anno, con un -3% di incidenti, -8% di morti e -3% di feriti, il tutto a fronte di 82.942 incidenti, 1.480 decessi e 116.650 decessi. La riduzione più consistente dei morti si sarebbe registrata in autostrada (-15,7%) e sulle strade urbane e extraurbane (-8,3 e -7%). Secondo uno studio del Ministero dell’Interno focalizzato sulle stragi del sabato sera nei primi 10 mesi del 2018 la Polizia Stradale e i Carabinieri avrebbero effettuato 149.740 posti di controllo utilizzando 138.622 pattuglie. I controlli effettuati con etilometro nella fascia di età 18-22 anni sarebbero stati 42.489 con una percentuale di positività al test del 3,4%. Nella fascia 23-27 anni i controlli sono ammontati a 47.044 con una positività del 4,9%. La maggior parte dei controlli, precisa il Viminale, è avvenuta tra la mezzanotte e le 2 (55.971) e tra le 2 e le 4 del mattino

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

SAVONA. Piper precipitato: le vittime sono di Lenta e Ossona

Sono stati recuperati i corpi delle due vittime dell’incidente aereo sul Monte Carmo, nel savonese. …

REGGIO CALABRIA. Traffico droga e soldi sottratti da conti correnti, arresti

È in corso dalle prime ore di questa mattina un’operazione dei Carabinieri a Reggio Calabria …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *