Redazione

di: Redazione

Home / Italia / ROMA. Al via Comuni Ciclabili, il grado bike-friendly delle città

ROMA. Al via Comuni Ciclabili, il grado bike-friendly delle città

Biciclette
Biciclette

Per i Comuni italiani arrivano le ‘bandiere gialle della ciclabilità’: dalle infrastrutture urbane al cicloturismo, un punteggio da 1 a 5 rappresentato da altrettanti bike-smile attesterà il grado di ciclabilità di una città e del suo territorio. E’ Comuni Ciclabili, il nuovo riconoscimento di Fiab-Federazione Italiana Amici della Bicicletta per “incentivare i Comuni ad adottare politiche a favore della mobilità ciclistica” e “valorizzare le politiche bike-friendly intraprese” che consentirà ai Comuni di fregiarsi della bandiera per il periodo 2017-2018 e di essere inseriti nella “Guida ai Comuni Ciclabili d’Italia” edita dall’associazione.
Le amministrazioni locali possono aderire sul sito comuniciclabili.it e saranno supportate se necessario dalle 150 associazioni Fiab in tutta Italia; quelle che si iscriveranno entro l’8 agosto riceveranno il riconoscimento a settembre, durante la fiera italiana della bicicletta, CosmoBike Show di Verona che patrocina l’iniziativa. Le adesioni sono sempre aperte e ogni anno i requisiti saranno verificati e le bandiere gialle assegnate in occasione di eventi o manifestazioni dedicati al mondo della bicicletta e della ciclabilità.
Per ottenere il riconoscimento il Comune deve possedere almeno due requisiti tra quelli richiesti: uno nell’area della mobilità urbana (ciclabili urbane, limitazione e moderazione traffico e velocità) e l’altro almeno in una delle altre tre aree di valutazione: cicloturismo (ciclovie, albergabici), governance (politiche di mobilità urbana e servizi), comunicazione e promozione (European Cycling Challenge, Settimana europea della mobilità, Bike to work day, BimbinBici).
Per Giulietta Pagliaccio, presidente Fiab, l’Iniziativa ha un obiettivo ben preciso:”Stimolare i sindaci a fare sempre meglio e a promuovere una maggiore attenzione alle esigenze della ciclabilità in quei territori che, ancora, non hanno preso in considerazione il tema”.

Commenti

Leggi anche

Il cibo che finisce nella spazzatura

ROMA. Gli italiani buttano 16 miliardi di cibo, ma 3 su 4 hanno ridotto lo spreco

Dal ritorno in cucina degli avanzi ad una maggiore attenzione alla data di scadenza, ma …

ROMA. Nel 2017 2,7 milioni gli italiani senza cibo

Sono 2,7 milioni gli italiani che, nel 2017, sono stati costretti a chiedere aiuto per …