Home / Attualità / ROMA. Agricoltura: Pac riconosce tartufo come prodotto agricolo
Tartufo

ROMA. Agricoltura: Pac riconosce tartufo come prodotto agricolo

La nuova Pac rivoluziona il mondo dei tartufi, la preziosa trifola di cui l’Italia è un rinomato produttore sia per quanto riguarda il gustoso nero che il prelibato bianco. ”Nella nuova Pac – ha detto all’ANSA Matteo Bartolini, presidente del Consiglio europeo dei giovani agricoltori (Ceja) – tutti i tartufi freschi sono riconosciuti come prodotto agricolo. Recependo questa innovazione normativa l’Italia si allinea al resto d’Europa, comprese Spagna e Francia che sono i nostri principali concorrenti. E’ questo ci aiuta nell’export” ha osservato il presidente Ceja.

”In un periodo di crisi economica, anche per le casse dello Stato – ha sottolineato Bartolini – arriverà qualche introito in più”. Finora i tartufi in commercio hanno avuto una tassazione del 20%, mentre col riconoscimento di ‘prodotto agricolo’ la tassazione scende al 10%. E questo può stimolare l’emersione dal mercato nero, visto che oggi la tracciabilità finanziaria può contare solo sull’autofatturazione del commerciante”.

In Italia sono coltivabili nelle apposite tartufaie tutte le tipologie di tartufo, ad eccezione del tartufo bianco pregiato.

”Questo – a giudizio di Bartolini, che è titolare di un agriturismo e promotore di una ‘Scuola di tartufo’ a Città di Castello – potrebbe ancora rimanere non agricolo, in quanto non coltivabile ma ancora trovato in natura dai cercatori con i loro cani”. ”Il riconoscimento – secondo il presidente dei giovani agricoltori – potrebbe far partire uno sviluppo atteso in questo territorio, magari attraverso il riconoscimento della certificazione Igp. In generale, andrebbe a sostegno di aree rurali svantaggiate, se non spopolate dove oggi ci sono produzioni agricole di scarso valore. Sarebbe anzi uno strumento per l’avvio di tartufaie da parte di giovani che, grazie alla multifunzionalità agricola, potrebbe intraprendere questa attività con un investimento di circa 10mila euro a ettaro, compresa la necessaria recinzione”.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Avatar

Leggi anche

tamponi chivasso

Troppe code, tamponi nel week end a Settimo, Castellamonte e Chivasso

Tamponi anche nei fine settimana a Settimo Torinese, Castellamonte e Chivasso. Troppe code, troppe persone …

Cirio

In Piemonte arriva la stretta su scuole e centri commerciali

Il Piemonte vara la stretta per frenare i contagi Covid, oggi 1396 sia pure con …

Un commento

  1. Avatar

    La PAC,con questa decisione,non solo determina lo sgravio IVA del prodotto sul commercio,ma determina una rivoluzione che imporrà all’Italia e alle singole Regioni un importante adeguamento della legislatura in materia. Un prodotto agricolo è automaticamente in proprietà al fondo che lo produce,quindi,come da sempre in Francia, anche i nostri cercatori potranno raccogliere tartufi su fondi altrui solo col consenso e con quanto pattuito con i proprietari,per non incorrere nel reato di furto.Vengono così meno ai proprietari che intendono riservarsi la raccolta,in tartufaie coltivate o controllate (naturali) gli obblighi del riconoscimento e della tabellazione che le varie leggi regionali impongono. Una vera rivoluzione che non potrà che giovare alla tartuficoltura esercitata con impegno e serietà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *