Home / Life & Style / Roma: 3 cose da sapere per godersi la città

Roma: 3 cose da sapere per godersi la città

Anche i più esperti viaggiatori, abituati a visitare Paesi lontanissimi, non possono restare immuni al fascino della nostra capitale: Roma è certamente la città che può vantare la Storia più ricca al mondo, e passeggiando per le sue strade si ha l’impressione di trovarsi all’interno di un enorme museo a cielo aperto.

Il centro storico della Capitale ricopre un’area facilmente percorribile a piedi o con i mezzi pubblici e soggiornando presso un hotel al Colosseo di Roma sarà possibile raggiungere agevolmente tutti i luoghi di interesse della città.

Per godersi appieno il viaggio, è possibile approfittare del “Roma Pass“, una card turistica disponibile in 2 formati che differiscono per la validità: 48 ore o 72 ore.
Il “Roma Pass 48h” dà accesso gratuito ad un museo romano a scelta, mentre chi acquista il “Roma Pass 72h” potrà entrare gratuitamente in 2 musei. Inoltre, per tutto l’arco di validità del Pass, si potrà beneficiare di ulteriori sconti sull’ingresso degli altri musei di Roma e si potranno utilizzare illimitatamente i mezzi pubblici urbani.

Il “Roma Pass” rappresenta quindi un’ottima opportunità per visitare alcuni tra i siti di interesse più importanti al mondo, come il Colosseo, i “Musei Capitolini” o “Castel sant’Angelo”; accanto a queste celebri attrazioni, esiste però una Roma ‘nascosta’, fatta di luoghi inconsueti e stravaganti, spesso sconosciuti perfino ai residenti.

Un esempio è la “Fontana della Terrina”, situata oggi lungo “Corso Vittorio” e caratterizzata da un coperchio di marmo che ricopre completamente la vasca, conferendole proprio le sembianze di una zuppiera. Originariamente, la fontana non era provvista di alcun coperchio, e si trovava in Campo dei Fiori; i commercianti della zona avevano la brutta abitudine di usare la fontana per lavare i propri ortaggi, lasciandola piena di rifiuti. Fu così che il papa Gregorio XV, indispettito, fece applicare nel 1622 il curioso coperchio che oggi la caratterizza.

Altro luogo alquanto insolito della capitale è la Chiesa di “Sant’Ignazio in Campo Marzio”: questa chiesa non è dotata di una cupola, benché il progetto originario la prevedesse. Tuttavia, all’interno della chiesa, la cupola è stata ‘dipinta’ sul soffitto utilizzando la tecnica del “Trompe-l’œil”, creando cioè un particolare effetto tridimensionale che dà ai visitatori l’illusione di trovarsi davvero difronte ad una gigantesca cupola.

Vicino “Piazza di Spagna”, e più precisamente lungo “via Gregoriana” sorge poi “Palazzetto Zuccari”, caratterizzato da una facciata alquanto ‘inquietante’: porte e finestre dell’edificio sono infatti decorate con mostruose fauci spalancate, ispirate alle sculture presenti nel “Parco dei Mostri” di Bomarzo.

La cucina romana costituisce uno degli aspetti più significativi della città, da scoprire assolutamente nel corso di un viaggio! In linea generale, si tratta di una cucina che predilige le pietanze semplici e sbrigative, ma al contempo ricche di gusto.
Alcuni dei primi piatti che è possibile assaporare a Roma sono i celebri spaghetti alla carbonara, i bucatini all’amatriciana oppure i tradizionali rigatoni con la pajata, preparati con le interiora di vitello.
Tra i secondi piatti più gustosi, figurano invece l’abbacchio al forno, la trippa con menta e pecorino romano o, per chi preferisse la carne bovina, la coda alla vaccinara.
Nel centro della capitale non mancano certo ristoranti e trattorie nei quali assaporare i piatti tipici romani: tra questi segnaliamo “Armando al Pantheon”, vicino Piazza della Rotonda, “Casa Coppelle”, che propone sia ricette romane che nazionali, ed “Amatricianella”, nei pressi di Montecitorio; per la colazione, un luogo d’eccezione è il famosissimo “Caffè Sant’Eustachio”, nel quale si dice sia possibile assaporare il miglior espresso al mondo.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Le confezioni alimentari: come si preparano

Il packaging di un qualsiasi prodotto deve sottostare a una particolare normativa. Questa problematica si …

Dal 26 settembre al 4 ottobre Expocasa 2020 torna ad animare gli spazi di Lingotto Fiere

Dopo la lunga sosta imposta dall’emergenza sanitaria, riparte la stagione degli eventi fieristici torinesi: dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *