Home / Dai Comuni / RIVAROLO Truffa su internet, vendeva fotocamera inesistente. Rivarolese alla sbarra

RIVAROLO Truffa su internet, vendeva fotocamera inesistente. Rivarolese alla sbarra

Truffa su internet per “pochi spiccioli”. Un rivarolese aveva venduto una macchina fotografica inesistente. Infilandosi in tasca 350 euro. Ma a metterlo nei guai era stata la denuncia del malcapitato acquirente virtuale. Le indagini svolte delle forze dell’ordine non hanno impiegato troppo tempo per arrivare al colpevole. Adesso, alla sbarra, per l’articolo 640 del codice penale, si trova Gianluca Misuraca, classe 1980 e residente a Rivarolo, nel quartiere popolare di via Bicocca, in frazione Pasquaro. L’altra settimana è cominciato il processo, presso il Tribunale di Ivrea, di fronte al giudice Claudia Colangelo, per fatti risalenti al maggio del 2011. Secondo l’accusa sostenuta dal Pubblico Ministero Claudia Oberto, l’uomo (difeso dall’avvocato Andrea Bertano, sostituito all’udienza dell’altro venerdì dall’avvocato Mattia Fiò), aveva pubblicato un annuncio sul sito internet www.aannuncia.it

Dava impudentemente il proprio nome e cognome, ed offriva in vendita una fotocamera digitale reflex canon 40D, con obiettivo Canon18-55. Al costo di 350 euro più 10 euro di spedizione. Eh sì, a vederla così, un vero affare. E all’annuncio, infatti, aveva risposto in breve tempo, Massimo Lavore, classe 1964, residente in provincia di Roma. Ordinata, pagata, e via. Lavore, rassicurato dia vari contatti virtuali e dalle indicazioni di pagamento ricevute dal venditore, attendeva ormai soltanto l’arrivo della pregustata macchina fotografica. Un attesa inutile, visto che la merce non venne mai consegnata.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CHIVASSO. Coronavirus, lockdown, ripartenza e amici a quattro zampe: il racconto del dottor Muzio

Carlo Muzio, conosciutissimo veterinario chivassese che insieme al dottor Fernando Naretto e alla dottoressa Ilenia …

IVREA. Via libera al progetto “Ico Valley – Human Digital Hub”

Via libera a ‘Ico Valley – Human Digital Hub’, progetto destinato a rivitalizzare una parte …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *