Home / Dai Comuni / RIVAROLO. Se n’è andata Linda Regaldo, titolare dell’Hotel Europa

RIVAROLO. Se n’è andata Linda Regaldo, titolare dell’Hotel Europa

Se n’è andata, all’età di 83 anni, Linda Regaldo, vedova Rinetti, storica titolare dell’Hotel Europa di Rivarolo. E’ mancata all’ospedale di Chivasso, dopo un periodo di degenza in una struttura per anziani a Bosconero. I funerali sono stati celebrati martedì presso la Chiesa di San Giacomo a Rivarolo.

L’Hotel Europa, molto conosciuto, apparteneva alla famiglia. I coniugi Achille Rinetti e Linda Regaldo lo avevano gestito per tanti anni, ed era un punto di riferimento, all’epoca in cui non c’erano ancora internet e tutte le moderne tecnologie. Si andava all’Europa, in Corso Indipendenza 76, per ritrovarsi, e qui si era accolti con cordialità e amicizia. Sotto il ristorante, sopra l’albergo e le sale a disposizione di feste e momenti di ritrovo.

Linda, come ricorda chi l’ha conosciuta, era una donna molto esuberante, le piaceva vivere bene e nel suo lavoro era una persona discreta e affidabile. Ed era anche una sportiva. Appassionata del Toro e sostenitrice della pallavolo.

Lascia i due figli. La maggiore, Carla, vive in Veneto. Giorgio, il più giovane, residente a Torino, è stato sempre presente nel decorso della malattia. Linda, purtroppo, dopo la morte di Achille, non è stata più la stessa. Il marito era mancato prematuramente, diversi anni fa, in un terribile incidente stradale, mentre la coppia era in viaggio per andare a trovare la figlia. Lei rimase ferita, ma si salvò. Da allora, tuttavia, cominciò il cambiamento del su stato d’animo e peggiorarono le sue condizioni di salute.

 

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

TORRAZZA. In attesa dello smarino spunta una fabbrica di bitume

Mentre si attende lo smarino, a Torrazza arriva un impianto di recupero di rifiuti classificati …

QUINCINETTO. Frana Quincinetto: Valle d’Aosta, trovare una soluzione nell’immediato

“E’ importante trovare soluzioni nell’immediato che possano garantire l’accessibilità e una fluidità sostenibile dei flussi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *