Home / In provincia di Torino / RIVAROLO.Martedì scorso a Palazzo Lomellini il passaggio di consegne.

RIVAROLO.Martedì scorso a Palazzo Lomellini il passaggio di consegne.

Gremita la sala consigliare di Palazzo Lomellini martedì sera a Rivarolo per il passaggio di consegne tra i commissari prefettizi e il nuovo sindaco Alberto Rostagno. Massimo Marchesiello, Gaetano Losa e Nazarena Di Marco hanno salutato ufficialmente Rivarolo dopo due anni di commissariamento del Comune. Adesso toccherà ad Alberto Rostagno guidare la città.

“Rivedo qui stasera le persone con cui ho collaborato per due anni e non posso che ringraziarli” ha subito commentato Marchesiello – “Quest’esperienza prolungata è stata forte. Un’esperienza strana per chi di mestiere fa il vice prefetto ma sicuramente è stata formativa”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Nazarena Di Marco e Gaetano Losa che hanno ringraziato tutti per la collaborazione dimostrata e hanno augurato un buon lavoro al sindaco Alberto Rostagno e all’amministrazione.

“Rivarolo è una città impegnativa, una città viva , piena di gente tosta. Sono sicuro che, dopo due anni di lavoro, Rivarolo avrà il futuro che merita, un futuro importante” ha rimarcato Gaetano Losa.

Dopo aver firmato gli atti formali  la Commissione ha consegnato un attestato di riconoscimento a tutte le associazioni per il lavoro che hanno svolto e che svolgono quotidianamente.

“Uno degli esempi più significativi che la Commissione lascia a Rivarolo è quello della sobrietà” – ha affermato Rostagno – “Ha lavorato assiduamente in un momento delicato per la città ed ha collaborato con le varie associazioni rivarolesi”.

La prima uscita ufficiale del neo sindaco è avvenuta lunedì 2 Giugno in occasione delle celebrazioni della Festa della Repubblica. È fissato invece per venerdì 13 alle ore 21 il primo Consiglio Comunale. La Giunta è già stata nominata, si attendono i nomi del presidente del Consiglio e del capogruppo.

 

Commenti

Blogger: Jessica Sinopoli

Jessica Sinopoli
Spazio bianco

Leggi anche

SETTIMO TORINESE. Brioches agli elettori…. Da Maria Antonietta a Katia

S’ils n’ont plus de pain, qu’ils mangent de la brioche. Traduzione: «Se non hanno più …

MONTEU DA PO. Pancia e Cuore, quando l’agricoltura è sociale: “Da noi la diversità è un valore”

Il legame tra l’uomo e il lavoro agricolo è uno dei più arcaici, profondi e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *