Home / Italia / RAVENNA. Medicinali illegali nei sexy shop, 11 arresti e un fermo

RAVENNA. Medicinali illegali nei sexy shop, 11 arresti e un fermo

La Guardia di Finanza di Ravenna ha smantellato un ramificato traffico di medicinali illegali: l’operazione, chiamata ‘Fidelio’, ha portato a 11 arresti – titolari di sexy shop in varie regioni che commerciavano le sostanze contraffatte – e un fermo di indiziato di delitto, un commerciante all’ingrosso di articoli per adulti della provincia di Pordenone, ritenuto il principale fornitore dei medicinali (la sua attività è stata bloccata dalle Fiamme gialle). Sono stati sequestrati oltre 10mila farmaci non autorizzati e pericolosi per la salute.

L’indagine è partita da un controllo fiscale in un sexy shop del Ravennate. I militari vi hanno trovato alcune confezioni di prodotti, risultati veri e propri farmaci non autorizzati, provenienti soprattutto da India e Cina: bustine, pillole e capsule con miscele dei principi attivi Sildenafil e Tadalafil, presenti in Viagra e Cialis, e spray con il principio attivo della Lidocaina, normalmente utilizzata negli anestetici locali.

L’operazione, coordinata dal pm di Ravenna Angela Scorza, ha portato anche a 63 perquisizioni in abitazioni e sexy shop riconducibili a 36 indagati per commercio di sostanze medicinali contraffatte e ricettazione.

I prodotti sequestrati, proprio per la presenza di principi attivi farmacologici, possono essere commercializzati solo dopo l’autorizzazione del ministero della Salute e dell’Aifa, Agenzia nazionale del farmaco, esclusivamente nel circuito delle farmacie e sulla base di prescrizione medica. Le indagini della GdF hanno puntato a ricostruire l’infera ‘filiera’ distributiva e hanno raggiunto il commerciante friulano, vero titolare dell’azienda di cui inizialmente risultava essere solo un dipendente, che è stato portato nel carcere di Pordenone.

Attraverso questo commerciante sono stati poi individuati 28 sexy shop in diverse regioni che acquistavano i medicinali illegali (alcuni nomi: ‘Kamagra’, ‘Cobra’, ‘Super Dragon’, ‘P-Force’, ‘Cenforce’, ‘Stud 100’, ‘Silde’, ‘Extra Strong’).

Durante le perquisizioni è stata riscontrata la flagranza del reato di commercio di sostanze medicinali contraffatte e sono scattati gli arresti per 11 titolari di esercizi di Milano e provincia, di Torino, Brescia, Ravenna, Forlì, Taranto e delle province di Bologna, Rimini, Macerata e Caserta. Sequestrate inoltre banconote false per 780 euro, denaro contante per 40mila euro, 47 proiettili per arma corta, circa mezzo kg di marijuana oltre ad un bilancino di precisione.

Per eludere i controlli il fornitore di Pordenone inviava ai sexy shop i farmaci non autorizzati, occultandoli in scatole insieme ad articoli per adulti che fungevano da carichi di copertura, con spedizioni tramite corriere. Quindi “un vero e proprio mercato parallelo e clandestino di medicinali illegali, realizzato da persone non autorizzate e prive di conoscenze mediche, al di fuori del circuito delle farmacie ma tramite il canale non convenzionale dei sexy shop”, sottolineano le Fiamme gialle, che hanno impiegato oltre 160 militari in 32 città.

“Queste condotte illegali – spiega la GdF ravennate – oltre a costituire un’alterazione delle regole della leale concorrenza, possono costituire un concreto pericolo per la salute dei consumatori”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

ROMA. A Milano, Trieste e Roma le migliori pasticcerie 2019

Premi speciali al “Pasticcere Emergente”: Marco Battaglia e Lavinia Franco di Marlà Milano. Novità dell’Anno: …

alberi monumentali

ROMA. Alberi e parchi contro la Co2, cercasi sponsor

Preziosi contro la cattiva qualità dell’aria e nell’assorbire gli inquinanti diffusi nell’atmosfera delle città, gli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *