Home / Dai Comuni / QUINCINETTO. Pasquetta, che successo con la patronale

QUINCINETTO. Pasquetta, che successo con la patronale

 

Giornata splendida: il lunedì di Pasquetta il bel tempo ha favorito la buona riuscita della tradizionale festa dedicata al patrono Santissimo Salvatore. La Pro Loco ha ospitato quarantacinque espositori, collocati lungo tutta la via centrale, a ridosso dell’ex asilo. Una mostra mercato dedicata interamente all’artigianato, tra sartoria, sculture, intaglio, oggettistica, con bancarelle provenienti non solo dal Canavese ma anche da biellese e vercellese. Tra le novità, apprezzatissime dai bimbi, la rievocazione di antichi giochi, ricostruiti direttamente dal Presidente della Pro Loco Gianfranco Chiara ed allestiti presso il parcogiochi. La Filarmonica Aurora ha curato l’intrattenimento musicale, sfilando ed eseguendo brani del repertorio. Per i più grandicelli, tornei di pallavolo e calcetto presso gli impianti sportivi, con l’apertura straordinaria al pubblico della palestra di roccia gestita dall’associazione Pan&Sport. Ed in serata, questa volta presso i locali dell’ex asilo, anziché nel consueto padiglione gastronomico, si è tenuta la “grande cena della prochetta”, con gustose portate servite dai volontari, che si son messi in cucina fin dal pomeriggio per offrire un appuntamento culinario coi fiocchi, con l’orchestra spettacolo Luigi Gallia. Entusiasta il sodalizio: “una manifestazione riuscitissima”. La patronale era cominciata già sabato 4 aprile, con una serata di “discoevoluzione” che ha visto protagonisti i coscritti del 1997. Domenica 5 aprile, al mattino, è stata celebrata la messa mentre la serata è proseguita tra musica e danze con l’orchestra Gruppo 3.

 

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

alberto avetta

CANAVESE. Città metropolitana approva il piano dei lavori sulle strade

La Città Metropolitana di Torino ha votato all’unanimità la variazione al Documento unico di Programmazione …

VALPERGA. Compie 109 anni Franco Boggio, tifoso Torino più longevo

Ha attraversato due guerre mondiali, perdendo il padre nella prima e finendo prigioniero a El …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *