Home / In provincia di Torino / QUINCINETTO. Frana minaccia A5: Vda chiede strategia comune a Piemonte
Alberto Cirio

QUINCINETTO. Frana minaccia A5: Vda chiede strategia comune a Piemonte

In riferimento alla chiusura dell’autostrada A5 tra Pont-Saint-Martin e Ivrea il 22 giugno a causa del movimento franoso sopra Quincinetto, il Presidente della Regione Valle d’Aosta, Antonio Fosson, ha inviato una richiesta di incontro al neo-Presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, per “l’apertura di una strategia comune e risolutiva della problematica irrisolta da anni che penalizza le comunità della Bassa Valle e del vicino Canavese”. Le basi per una sinergia di intenti erano state poste a marzo con l’avvio di un tavolo tecnico con le amministrazioni piemontesi per affrontare in maniera strutturale la tematica della viabilità di confine. “La richiesta rivolta alla Regione Piemonte – si legge in una nota – è parte di un percorso volto ad aprire un tavolo politico-tecnico urgente per analizzare quanto verificatosi e ottimizzare le azioni previste in un’ottica di efficienza, efficacia ed economicità. Un tavolo che porterà le proprie risultanze all’attenzione del Governo nazionale”. “Occorre trovare una soluzione definitiva alla questione. Al più presto è necessario verificare quale può essere il percorso tecnico e finanziario affinché non vi siano ulteriori disagi per i residenti delle zone della Bassa Valle coinvolte e ripercussioni economiche” commentano il Presidente della Regione Antonio Fosson e gli Assessori Luigi Bertschy e Stefano Borrello.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CASTELLAMONTE. Ubriaco aggredisce avventori all’interno di un’attività commerciale, arrestato dai Carabinieri

Prosegue incessante l’attività di tutela all’ordine e alla sicurezza pubblica dei Carabinieri della Compagnia di …

chivasso

CHIVASSO. Ospedale D’Ambrosio, Giacometto e Fluttero: “Intitoliamolo subito!”

“Ribadisco il mio apprezzamento e la mia convinta adesione all’idea di intitolare l’ospedale di Chivasso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *