Home / BLOG / Quando la comunicazione politica è poco più di un tweet…

Quando la comunicazione politica è poco più di un tweet…

Una bolla di sapone. E’ il modo in cui l’amministrazione comunale di Torrazza liquida l’ultima questione politica sollevata dai gruppi di opposizione. In sostanza, per la maggioranza non esiste alcun caso intorno all’assessore Mauro Dutto: questa la traduzione delle parole con cui il sindaco Simonetta Gronchi e la sua vice Tiziana Lombardo hanno risposto, per iscritto, ai consiglieri comunali Massimo Rozzino, Rocco Muscedra, Fabio Assaloni e Marinella Bracco. Una replica all’interrogazione del 23 febbraio scorso di cui non c’è nemmeno bisogno di una sintesi, visto che si esaurisce in tre righe tre. Duecentotrentadue caratteri, poco più di un “tweet”, per usare un sistema di riferimento tanto caro alle nuove generazioni e ai comunicatori di professione. Anche quelli politici. Per chi s’è perso qualche puntata, ricordiamo che nelle scorse settimane i gruppi di opposizione avevano chiesto con un atto formale le dimissioni dell’assessore Dutto. Il caso politico che l’amministrazione torrazzese riduce ad un “impiccio” di poco conto è scoppiato dopo che è emerso che l’assessore della Giunta Gronchi ha seguito, come geometra, la pratica di frazionamento dei terreni di località Goretta dove da lì a poco si sarebbe insediata la tanto discussa e chiacchierata centrale a biomasse di proprietà della Eoslab. Nulla di illegittimo, per carità, ma per lo meno qualche dubbio sull’opportunità è venuto, all’opposizione, visto e considerato che in quello stesso periodo il Consiglio comunale, compatto, aveva espresso la propria contrarietà all’insediamento della centrale. “Agli atti del catasto risulterebbero pratiche catastali relative alla realizzazione della centrale a firma del geometra Dutto Mauro – attaccano, nella loro interrogazione -: nello stesso periodo l’assessore dichiarava il suo no alla realizzazione dell’opera”. “Durante il Consiglio comunale del 9 giugno 2012 lo stesso assessore si dichiarava con fermezza contrario alla realizzazione della centrale – scrivono -. Giunta, maggioranza e minoranza votavano unanimemente la deliberazione 20 del 2012 contro la realizzazione della centrale stessa. La delibera numero 20/2012 delegava il sindaco, il vice sindaco Lombardo e l’assessore Dutto a rappresentare il ‘no’ dei torrazzesi alla conferenza dei servizi svoltasi in Provincia il 12 giugno 2012. Il 25 luglio 2012 dopo il Consiglio comunale il sindaco riferiva l’esito interlocutorio della conferenza, facendo presagire una eventuale altra conferenza. Con lettera del 6 settembre 2012 il sindaco, la Giunta e i consiglieri di maggioranza davano il loro appoggio incondizionato alle organizzazioni ambientaliste contro la realizzazione della centrale”. Le minoranze hanno così chiesto di avviare un’indagine conoscitiva dell’attività svolta dall’assessore. Indagine che ha prodotto una lettera di chiarimento dell’assessore Dutto, che pubblichiamo qui a lato, e che ha portato Gronchi e Lombardo a liquidare in poche righe il caso sollevato dalle minoranze: “La sottoscritta e l’assessore Lombardo Tiziana non erano a conoscenza dell’incarico ricevuto dal Geom. Dutto, incarico per il quale, data la committenza e la tipologia di pratica, non ci era dovuta né ci è dovuta alcuna spiegazione”. Nell’epoca dei social network, possiamo suggerire alle minoranze torrazzesi di chiedere, la prossima volta, una risposta via Twitter. I centoquaranta caratteri di un tweet posso essere ragionevolmente sufficienti all’amministrazione torrazzese per liquidare qualsiasi altro caso politico…

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

IL PALAZZO DELLA CREDENZA

Vicino al tuttora operativo Ospedale di Ivrea, è presente una piccola ma graziosa costruzione in …

A Chivasso l'emergenza coronavirus è finita?

CHIVASSO. Emergenza Coronavirus finita? La tenda del pre-triage è già chiusa, la guardia sparita

E’ finita l’emergenza coronavirus a Chivasso. E per fortuna, verrebbe da dire. Non se ne …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *