Home / Eventi / Altri Eventi / PRALORMO. Tutto pronto per la XX edizione di Messer Tulipano

PRALORMO. Tutto pronto per la XX edizione di Messer Tulipano

Nel salone ovale del Castello di Pralormo, ora camera da pranzo inserita nel percorso di visita, si può ammirare il soffitto affrescato con i ritratti di artisti illustri. Fra di essi spicca il ritratto di Leonardo da Vinci.

Questo affresco fu eseguito all’inizio del XIX secolo in occasione dell’importante restauro voluto dal conte Carlo Beraudo di Pralormo e affidato all’architetto di corte Ernest Melano, che stava seguendo il cantiere del Castello di Racconigi per il re Carlo Alberto. In quel momento il conte Carlo Beraudo di Pralormo stava facendo una brillante carriera diplomatica come ambasciatore a Berlino, Parigi, Vienna.

Il Castello di Pralormo propone quindi un percorso di visita, all’interno, in cui si attraversano vari ambienti dalle cantine alle dispense, dai fruttai alla zona dedicata ai sistemi per illuminare e scaldare la dimora, dalla stanza dei domestici allo studio del maggiordomo, dalle operose cucine all’office, dalla sala da bagno al salotto della musica e poi lo studio del Ministro, la camera dei bambini, la sala da pranzo completamente allestita e il salone d’onore.

Sempre in onore di Leonardo, domenica 14 aprile sarà presente un modellista che eseguirà per i vistatoti il modellino di un aliante su disegno di Leonardo. Infine tutti i visitatori di nome Leonardo da sabato 13 a domenica 21 aprile visiteranno Messer Tulipano gratuitamente.

Inoltre:

SABATO 13 APRILE

Ore 16.00: “Pastori di anime, cacciatori di erbe” conversazione a cura di Fabrizio Bottelli, direttore del Giardino Botanico di Oropa. Un racconto sui religiosi che, oltre aver consacrato la loro vita alla fede cristiana, si sono anche appassionati all’esplorazione della natura e in particolare allo studio della botanica. Lo spirito missionario ha da sempre spinto i pastori di anime verso nuovi continenti dove, oltre a predicare e diffondere il Vangelo, hanno contribuito ad arricchire le conoscenze naturalistiche relative a diversi paesi esotici come testimoniato dalle collezioni (soprattutto erbari) conservate in molti istituti religiosi. Il motivo dell’interesse per la botanica da parte dei religiosi probabilmente derivava dalla contemplazione delle bellezze naturali del creato unita all’osservazione dell’ambiente circostante sia in luoghi sconosciuti all’arrivo in continenti lontani, sia nel percorrere a piedi i viottoli di campagna e di montagna per raggiungere i parrocchiani nelle borgate sperdute. Va ricordato inoltre che l’approfondire la conoscenza delle piante medicinali per alleviare le sofferenze delle persone malate ha sempre fatto parte della tradizione conventuale e ancor oggi molte preparazioni erboristiche utilizzano immagini di frati e abbazie quasi a garanzia della qualità del prodotto.

Al termine della conversazione degustazione di tisane a base di erbe.

Nel corso della giornata: dimostrazioni di acquerello botanico e di intaglio del legno.

Per i più piccoli:

– Pista dei trattorini a pedali per piccoli agricoltori a cura di New Holland.

– Nel corso della giornata attività a cura della libreria La Farfalla di Snipe.

DOMENICA 14 APRILE

Nel corso della giornata:

– Esposizione nel parco, in occasione del raduno del Club Alfa Romeo Duetto, di un’Alfa Romeo Duetto di famiglia modello “osso di seppia” del ’68.

– Dimostrazioni di acquerello botanico e di intaglio del legno.

Nel pomeriggio: esibizione di danze storiche di epoca risorgimentale in costume del gruppo Storico Historia Subalpina.

Per i più piccoli:

– Pista dei trattorini a pedali per piccoli agricoltori a cura di New Holland.

– Nel corso della giornata attività a cura della libreria La Farfalla di Snipe.

– Ore 15.00 e 16.30 circa: attività “La moda di un seme” a cura di ArteNa.

Il seme col manto alato, quello ad uncino, quello che esplode. La natura si esprime nelle sue strategie più vincenti e nella sua elegante fantasia. Noi  appiamo imitarla? Un momento di gioco dedicato ai bambini dai 5 anni in sù per scoprire il modo dei semi, i loro decori e i loro stratagemmi di  disseminazione.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Museo garda

IVREA. Piccoli tasti grandi firme. Al museo Garda visite guidate e conferenza di Giuseppe Lupo

Il Museo civico Pier Alessandro Garda, con il contributo della Fondazione Guelpa e in collaborazione …

CASTIGLIONE. Mercatino di Natale

Domenica 8 dicembre il “Balônet. Mercatino di Natale sotto i portici del centro   e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *