Home / Italia / POTENZA. Fca: Uil e Uilm Basilicata a Dobrindt, venga a Melfi
jeep renegade

POTENZA. Fca: Uil e Uilm Basilicata a Dobrindt, venga a Melfi

La Uil e la Uilm della Basilicata, in una nota congiunta, hanno invitato il ministro tedesco ai Trasporti, Alexander Dobrindt, e i rappresentanti della Commissione europea a visitare lo stabilimento Fca di Melfi (Potenza), dove si producono i modelli Fiat 500X e Jeep Renegade.
L’invito dei sindacati, in particolare, riguarda la prossima inaugurazione del Campus per l’innovazione del manufacturing di Melfi, realizzato nell’ambito di una convenzione tra Fca e la Regione Basilicata: “L’intero progetto – è scritto in una nota – ruota intorno al binomio innovazione-competitività: attraverso le attività sviluppate all’interno del Campus si mira a elevare il livello competitivo e tecnologico dell’intero tessuto imprenditoriale lucano. Dunque al primo posto c’è il controllo della produzione dello stabilimento lucano come degli altri italiani del gruppo Fca per ‘testarne’ la qualità a garanzia, prima di tutto, degli acquirenti”. In riferimento alla “vicenda emissioni” delle auto prodotte a Melfi, secondo il leader dei metalmeccanici della Uil, Rocco Palombella, “siamo in presenza di qualcosa di completamente diverso dalla ‘vicenda dieselgate’ che ha coinvolto il gruppo automobilistico tedesco, perché in quel caso c’è stata una truffa, qui c’è un contenzioso di altro genere tra Epa e gruppo Fca. Noi siamo convinti, perché sono i lavoratori di Melfi a testimoniarlo mettendoci la faccia, che il software di Fca non occulta le emissioni e pertanto non crediamo ci siano le condizioni per ritenere il comportamento di Fca lesivo da un punto di vista della fiducia”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Pizza

GENOVA. Debuttano il 12 novembre le Pizze del Territorio

Città che vai, pizza che trovi. In una sorta di giro d’Italia in dieci pizze. …

MILANO. Al via la campagna Mellin: “Più alberi per più bambini”

Con la piantumazione del primo albero a Milano, presso l’area verde di fronte all’Ospedale San …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *