Home / BLOG / PONT. Coppo: “Ho gestito il Comune come un’azienda”

PONT. Coppo: “Ho gestito il Comune come un’azienda”

Nelle consuete “Comunicazioni” al termine dell’ultimo Consiglio comunale, Paolo Coppo ha tracciato un consuntivo dei suoi 10 anni di amministrazione “gestiti come un’azienda sana grazie ad un grande gioco di squadra”. Ha pertanto ringraziato “i due grandi vicesindaci  e tutti i colleghi amministratori; i due ottimi segretari comunali ed i dipendenti in servizio e non più; l’Unione Montana Valli Orco  e Soana; i volontari delle tante associazioni; i professionisti con cui ho collaborato; i nonni-vigili; i ragazzi del Centro Estivo; i presidi e le insegnanti; la mia famiglia”. Ha ringraziato i cittadini “che hanno seguito i consigli comunali e la vita amministrativa perché hanno capito l’importanza di una partecipazione diretta, che permette una conoscenza reale delle attività che si stanno facendo” e persino i giornalisti nel loro insieme “quelli più obiettivi e quelli un po’ meno perché comunque sono stati di stimolo”.

Ha poi continuato: “Se con qualcuno a volte sono stato un po’ duro, mi scuso; a volte forse sono andato un po’ oltre (ed è stata una forzatura) ma ci voleva. Resta comunque il rapporto umano che per quanto mi riguarda rimane inalterato”.

Per quanto concerne i contenuti dell’azione amministrativa il sindaco si ritiene soddisfatto: “Siamo riusciti ad onorare tutti gli impegni assunti e ad andare oltre… cosa non sempre scontata. Mi sarebbe piaciuto  portare lavoro con l’insediamento di nuove aziende, che non è stato possibile perché l’economia di questi tempi ha altre strade ma la “Doppia AA” di Sparone, che ha scelto di trasferirsi a Pont, ha avuto tutto il nostro supporto. Abbiamo cercato di rendere il paese accogliente e migliorarlo per chi ci vive e per chi viene da fuori, con il supporto di altri Enti, con finanziamenti ricercati e ottenuti e con risorse proprie che non hanno comportato aumenti di tassazione,  fra le più basse della zona e praticamente inalterata da dieci anni. Lasciamo un bilancio con i conti assolutamente in ordine, con l’estinzione dei due mutui accesi dalle precedenti amministrazioni e un Avanzo di 310.000 euro”.

E’ innegabile che in questi anni Pont sia cambiata!” ha affermato il sindaco uscente Paolo Coppo prima di elencare  le opere realizzate durante i suoi due mandati ed ha poi proseguito: “Tutto l’asse che attraversa il paese da Voira alla Sandretto è stato ristrutturato:  la rotonda di Voira – la conceria – la passerella sul torrente Soana – il nuovo parco giochi di via Peramara – la nuova scuola – i nuovi marciapiedi da via Roma a Piazza Craveri e via Destefanis – la nuova piazza con tutti i muri perimetrali in pietra – la piazza del municipio con l’area verde che collega con l’asilo – il Polo museale Cannon-Sandretto – la Torre Tellaria completamente recuperata – l’area recuperata e i bastioni illuminati della Torre Ferranda”.  L’amministrazione uscente può inoltre vantare “la realizzazione della via ferrata in borgata Sarro, il recupero dell’antico cimitero di Santa Maria e di 50 km di sentieri compreso il rifacimento di 10 ponti. Tutte le strade, tranne qualche rara eccezione già in progetto, sono state asfaltate o ripristinate compreso l’ampliamento degli accessi pericolosi alla borgata Boetti, alla Valle Soana (fr. Villanuova) e alla Valle Orco (b.ta Fasane). Sono state realizzate nuove fognature nelle borgate Trucca’, Panier, Piangiacolin, Villanuova; il nuovo acquedotto in borgata Bisdonio, la tinteggiatura degli edifici del comune e dell’ufficio turistico ormai in assoluto degrado.  Molte le manifestazioni realizzate in collaborazione con le varie Associazioni”. Ha poi ancora citato “la ristrutturazione degli impianti sportivi; la copertura dei cassonetti dei rifiuti nelle isole ecologiche; il rifacimento di tutta l’illuminazione pubblica che è in fase di ultimazione; i tanti lavori realizzati in tutti i tre ordini di scuola. In ultimo un progetto di avvio verso una scuola bilingue”. Infine  è stato completamente sostituito il parco-auto comunale; sono stari mantenuti ed ampliati tanti servizi per il cittadino”.

Commenti

Blogger: Caterina Ceresa

Caterina Ceresa
Autore e collaboratore de La Voce del Canavese nell'alto Canavese

Leggi anche

Parlapà tabaleuri!

Parlapà tabaleuri! Parla-pà, che letteralmente significa “non parlare”, ed è simile all’espressione “non mi dire”! …

BORGOFRANCO. Primo caso di Covid nelle scuole del Canavese: domenica aveva giocato a calcio a Strambino

E’ positivo, ma sta bene. Uno studente che frequenta la scuola media Germanetti di Borgofranco …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *