Home / In provincia di Torino / PAVONE. Galbiati ai complici: “Costituitevi!”
Fiaccolata Pavone

PAVONE. Galbiati ai complici: “Costituitevi!”

Sono abituato durante i miei giri e rigiri per le strade e i paesi italiani a vederne e sentirne di tutti i colori. Sono anche abituato a vedere città con vigili urbani che quando li cerchi non li trovi; guardie forestali che non si sa dove vanno e cosa fanno… e via di questo passo, così il cittadino, che come sempre se ne frega e crede che tutto gli è concesso perché amico di questo o di quello fa quel che gli pare… e dice quel che gli pare. Mi è capitato di assistere ad una manifestazione in cui, poco deontologicamente, figure istituzionali sono scese in processione per dare solidarietà ad una persona che ha “sparato”, uccidendo, per difendere una proprietà che non era la sua. Mentre seguivo la processione ho pensato che presso la Camera Mortuaria del Centro di Medicina Legale non c’era nessuno invece a dire un “requiem” al capezzale della vita spenta. Così differente comportamento mi ha imposto, per la mia profonda deontologia, una analisi/riflessione.
Sui giornali si è parlato di “rapina”, a questa voce il Codice Penale recita: chiunque per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, “mediante violenza alla persona”… Ho quindi tratto analisi attenta che non si era trattato di rapina perché non c’era stata violenza alla persona e quindi si era trattato di Furto (reato grave anch’esso) che recita: chiunque si impossessa della cosa altrui sottraendola a chi la detiene… Quindi c’è stato un reato di furto e dolo al “gestore del bar di via Torino” che però non è, da quanto ho poi appreso, colui che ha sparato.
Ho poi visto che attorno al luogo del “fatto” c’è una blindatura di sistema di sorveglianza che è collegata con le forze dell’ordine. e quindi ho anche appurato che durante il furto c’è stato l’incessante suono del sistema d’allarme il che fa presumere che al suo scattare abbia messo in fuga i malviventi… L’esplosione del o dei micidiali colpi o colpo della Taurus 357 (paragonabile per potenza alla 44 del celebre Callaghan, in vendita, senza munizionamento a 560 euro) fatta dal balcone di casa ha necessitato di una mano molto robusta ed esperta visto il “gran rinculo” che questa arma ha.
Ho poi capito che all’arrivo delle forze dell’ordine, come spesso succede, si innesca il solito modus delle mille verità per dirne una e così pensando di meglio giustificare si parla di “una colluttazione”… ma da parte di chi e con chi? E così facendo, involontariamente, si potrebbe innescare una “falsa testimonianza” (per non dire altro). Vado a controllare il Codice Penale e scopro che è punibile più o meno con la stessa pena con cui viene punito un tentato furto. (a questo punto mi pongo una domanda: chi ha sporto la denuncia? il gestore del bar?)
Non voglio entrare sulla dinamica del fatto di sangue, questa spetta al Giudice, però mi viene spontaneo di LANCIARE  un appello ai due presunti complici del ragazzo morto: COSTITUITEVI!!! A parte far pace con la vostra coscienza pensate che al momento penalmente non rischiate una grossa pena, potete fare ammenda e soprattutto potreste portare la VERITA’ (che è sempre una sola) per la memoria di chi non c’è più e a cui andrebbe rivolta una preghiera e non parole di podio come quelle che ho sentito nella fiaccolata capeggiata da figure istituzionali e da alcuni membri del popolo eporediese. Io, come essere umano ho provato profonda vergogna per quello che ho sentito e ho letto e a tutti dico: chi è senza peccato scagli la prima pietra.
Francesco Galbiati

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CHIVASSO. Massimiliano Modena e le sue foto che “parlano”

“La fotografia è il grande amore della mia vita. Sono specializzato, in particolare, in reportage …

CAREMA. Un malore improvviso strappa alla vita l’ex sindaco Giovanni Aldigheri

Aveva 67 anni anni il vicesindaco Giovanni Aldigheri e nulla che facesse presagire la tragedia. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *