Home / Lettere al direttore / PARELLA. Cambiano i padroni ma per i lavoratori non cambia nulla
Manital
Manital

PARELLA. Cambiano i padroni ma per i lavoratori non cambia nulla

La nuova proprietà di Manital, il fondo finanziario IGI Investimenti, è completamente allineata alla precedente gestione: non pagano gli stipendi, non versano i contributi alla Cassa edile, non danno risposte concrete.

Dopo l’accordo non rispettato del 21 ottobre, firmato dall’ex presidente Cimadom, per il pagamento degli stipendi arretrati, dopo l’incontro farsa di mercoledì 13 novembre dove Manital si presenta ai sindacati con un nuovo amministratore delegato “appena nominato” che chiede tempo, oggi l’azienda si sottrae all’incontro convocato dal Prefetto di Torino adducendo come causa un “disguido tecnico”.

A che gioco sta giocando Manital? Se pensa che i lavoratori cederanno licenziandosi, han sbagliato i conti. Gli operai della MGC sono determinati a continuare il loro presidio fino a quando non riceveranno quanto gli è dovuto.

Stigmatizziamo il comportamento dell’azienda, indegno e irrispettoso, che calpesta la dignità dei propri dipendenti che hanno fatto il loro lavoro, ma da agosto non vengono pagati. E i contributi (cassa edile, tfr), pur trattenuti dagli stipendi, dal mese di marzo non vengono più versati. E ci chiediamo, dove sono finiti i soldi ricavati dalla vendita dei macchinari e attrezzature della MGC e dove finiranno i milioni che il ministero dell’istruzione deve (in colpevole ritardo) a Manital. I primi ricavi devono essere destinati a pagare i lavoratori! Ma temiamo che non la pensi così la nuova proprietà, un fondo finanziario non ha come obiettivo la tenuta dell’occupazione ma la massimizzazione del plus valore per i propri investitori.

La vicenda del gruppo Manital deve diventare una vicenda nazionale!

In Manital sono coinvolti 10.000 lavoratori e moltissimi di loro sono nelle stesse condizioni degli operai della MGC, senza stipendio da mesi. Molte le fragilità e criticità che potrebbero esplodere da un momento all’altro.

Come Partito della Rifondazione Comunista Ivrea esprimiamo ancora una volta la nostra solidarietà ai lavoratori MGC che oggi hanno dovuto subire l’ennesima doccia gelata. “Non sentitevi umiliati, ma orgogliosi, perché lottate per la giusta causa. La vergogna è tutta sui responsabili di ieri e di oggi di questa vergognosa situazione.” – scrive Cadigia Perini, segretaria del Circolo PRC-SE di Ivrea, in un messaggio ai lavoratori – siamo e continueremo ad essere costantemente vicini a chi lotta per il lavoro, vicino a voi.

Partito della Rifondazione

Comunista, Sinistra Europea

Circolo di Ivrea

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CASALBORGONE. Commissioni consiliari fantasma: a che servono se non si convocano?

Riceviamo e pubblichiamo. A cosa servono le commissioni deliberate nei consigli comunali, se non vengono …

VERRUA SAVOIA. Se non fosse stato per noi, chissà come sarebbe San Giovanni

Riceviamo e pubblichiamo. Nessuna rabbia nelle parole dell’Opposizione, come vorrebbe far credere il Sindaco ed …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *