Home / BLOG / Nè maschi nè femmine – La violenza ci rende animali

Nè maschi nè femmine – La violenza ci rende animali

La violenza ogni giorno le donne la esercitano sugli uomini ma i giornali non ne parlano. E’ una notizia che non fa notizia. Nessuno prova compassione per il maschio dominante che viene picchiato o ucciso, lasciato da sua moglie e costretto dalla legge a mantenere una famiglia di cui non fa più parte. Le discriminazioni di genere ci sono, in Italia come nel resto del mondo. Ma ci sono anche gli stereotipi, i luoghi comuni, le cose che si dicono e quelle che non si dicono. Parlare di maschicidio è cacofonico e fuori luogo nella società delle pari opportunità che hanno sempre un occhio di riguardo nei confronti della donna come se si trattasse di un animale in via di estinzione da tutelare e salvaguardare.

L’altra sera a PrimaFila invece parlavamo proprio di Maschicidio. Della violenza delle donne nei confronti degli uomini soprattutto nelle RIS, Relazioni Interpersonali Significative. Di anno in anno il mondo si prepara a celebrare con eventi, convegni, manifestazioni e proiezioni la giornata mondiale contro la violenza sulle donne e ignora dati, statistiche, denunce e numeri di cronaca reale, di uomini traditi e cacciati di casa, minacciati di non poter vedere i propri figli, violentati psicologicamente con le crisi isteriche e trasformati in nuovi poveri da una legislatura sessista quando si tratta di giudicare in materia di separazione: In base ai dati resi noti dal Viminale, che ha analizzato i casi trattati dalle testate web locali e nazionali, nel 2017 sono state uccise volontariamente ben 355 persone, 236 delle quali da partner, parenti stretti, amici, vicini di casa, colleghi di lavoro (i soggetti che condividono relazioni interpersonali significative), divise fra 120 donne e 120 uomini. Uno a uno e palla al centro. Le donne sono violente come gli uomini, alla faccia del gentil sesso.

Pare inoltre che le donne reagiscano meglio alla violenza. Dall’articolo di Monia Savioli sul quotidiano online economiaitaliana.it  “Sembra che le madri uccidano più dei padri e che in generale le donne riescano a sopravvivere con minore difficoltà al senso di colpa e all’orrore che hanno commesso. Quando ammazzano o sono lasciate, le donne difficilmente rinunciano a vivere. La lettura dei dati non mente. Gli omicidi-suicidi in ambito familiare e di coppia sono 30: 28 uomini e 2 donne. I suicidi sono 39 divisi fra 32 uomini e 7 donne. Restando in campo sentimentale, su 66 omicidi, i femminicidi sono stati 42 di cui 14 commessi da stranieri “. La maggiore resistenza può essere stata originata dall’allenamento atavico alla sottomissione della femmina nei confronti del maschio nel passaggio dalla società matriarcale a quella patriarcale e l’istinto di sopravvivenza.

Chi volesse approfondire dati e situazioni può leggere la ricerca di Barbara Benedettelli, “Violenza domestica e di prossimità” che rilegge in chiave neutra i numeri, i dati, le situazioni di un mondo dai rapporti violenti, tra uomini e donne, tra estranei o parenti, dove la differenza di genere non è la vera differenza e conosce solo vittime e luoghi comuni. Io preferisco dedicarmi ad una introspezione personale, nè maschilista nè femminista.

La violenza ci rende animali, senza distinzione di genere

Commenti

Blogger: Mary Rider

Mary Rider
La mela incantata

Leggi anche

NOMAGLIO. Peller – Francisca ai ferri corti per la Sagra della Castagna

Da oltre quindici anni le cose andavano in un certo modo. Nomaglio organizzava la Sagra …

Bennu, l’asteroide killer!

Bennu, l’asteroide killer! Secondo i dati sono stati raccolti dalla sonda americana Osiris Rex, Origins, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *