Home / Eventi / MONTALTO. Tutto pronto per la sagra del Cavolo Verza

MONTALTO. Tutto pronto per la sagra del Cavolo Verza

A Montalto Dora, dal 20 al 24 novembre 2019 ritorna la Sagra del cavolo verza, manifestazione enogastronomia e fieristica dell’autunno piemontese per chi vuol conoscere l’autenticità della cultura contadina canavesana. Quest’anno, la manifestazione presenterà varie novità, tra queste la presenza dei cavalli. Un calendario di eventi musicali, sportivi, gastronomici e di folclore locale caratterizzerà le giornate dedicate a questo prelibato ortaggio. Durante la manifestazione si potrà curiosare tra le vie del gusto, dell’artigianato e dell’antiquariato minore, ammirare i manufatti dell’ingegno hobbistico, fare golosi acquisti di prodotti enogastronomici o ancora assistere agli spettacoli folcloristici e musicali. Saranno in funzione, inoltre, i Ristoranti della Sagra dove poter gustare piatti della tradizione contadina a base di cavolo verza e non solo. La manifestazione è nata nell’anno 1996 per rilanciare un prodotto che per tantissimi anni è stato il fulcro dell’economia del paese, ma che negli ultimi tempi era quasi scomparso dalle campagne a causa del richiamo della nascente industria olivettiana.

“L’edizione di quest’anno – spiega il sindaco Renzo Galletto – prevederà una due giorni dedicata al mondo del cavallo, dove la cultura, la competenza, il sacrificio e l’amore per le tradizioni saranno gli ingredienti per far conoscere quale passione ha il canavese per questi meravigliosi animali. Promuoveremo un programma che vi entusiasmerà e renderà l’evento di quest’anno una delle più importanti manifestazioni dell’autunno piemontese”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Presidio a Ivrea venerdì 22 gennaio per la ratifica del Trattato di disarmo nucleare

Il 22 gennaio 2021 entrerà in vigore il Trattato dell’ONU che mette al bando le …

MONTALTO. La panchina gigante arriverà dal cielo!

Arriverà dal cielo, trasportata da un elicottero e verrà inaugurata con una festa grandiosa. “Ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *