Home / Dai Comuni / MONTALTO DORA. Galletto: “All’Ufficio Postale tempi da terzo mondo!”
Poste
Poste

MONTALTO DORA. Galletto: “All’Ufficio Postale tempi da terzo mondo!”

È una lettera di fuoco quella scritta dal primo cittadino di Montalto Dora, Renzo Galletto, giovedì 11 giugno. Il bersaglio delle righe del sindaco è la filiale di Torino 2 Nord della Poste Italiane. La questione è legata ai numerosi disservizi dell’ufficio postale di Montalto, disservizi che i cittadini patiscono da troppo tempo.

Adesso basta. È inconcepibile – scrive Galletto – che in un Comune come Montalto Dora, che nel territorio canavesano per numeri di abitanti e volume di affari da considerarsi nella fascia medio alta, il servizio dello sportello venga lasciato alla buona volontà di un solo impiegato con tempi di ricevimento del pubblico da paese da terzo mondo. Il problema non è il coronavirus, come testimonia la lettera del 5 febbraio scorso alla direzione generale di Torino, questo semmai lo ha accentuato. Attualmente sono ancora in attesa di un appuntamento ufficiale con l’obiettivo di normalizzare la situazione divenuta ormai insostenibile”.

Ma non è tutto, perché il sindaco lancia anche una serie di proposte per migliorare il servizio. “Occorre – prosegue – rimpolpare l’organico che è stato a lungo composto da almeno tre unità e che consentirebbe di differenziare chi si dedica ad appuntamenti specialistici per trattare titoli, polizze e altri prodotti finanziari da chi invece si occupa delle normali operazioni di sportello. Serve intervenire sull’ubicazione dell’ufficio dove attualmente la privacy non viene garantita. Ricordo che in una mia precedente legislatura mi ero personalmente attivati per una ubicazione più consona alle esigenze, ma non era nostro compito sobbarcarci i costi della sistemazione. Ancora oggi, questa proposta è valida e sicuramente trovare locali più adeguati potrebbe essere una soluzione. Bisogna, poi, installare una nuova stazione mobile di servizi automatici dove i costi del plateatico e dell’allacciamento alla rete elettrica potrebbero essere assunti dal Comune. Questo limiterebbe la necessità di rivolgersi a un operatore di sportello riducendo quindi il numero di accessi”.

L’invettiva di Galletto, infine, si conclude così, con un invito a migliorare la situazione nel più breve tempo possibile.

Non siamo una piccola realtà decentrata, – attacca – bensì un centro operativo di servizi a forte impatto economico, indispensabile non solo all’utenza della mia comunità, ma anche ad altre realtà territoriali. Con la presente comunico che il Comune di Montalto Dora opererà in tutte le sedi per denunciare una situazione ormai intollerabile.

Confidiamo nel buon senso e soprattuto nella consapevolezza che un servizio postale efficiente non è un problema di questo comune, ma l’immagine di una struttura operativa presente su tutto il territorio nazionale che ha fatto del nostro paese un campione del risparmio molecolare di cui la posta è stato un mezzo indispensabile.

In questa crisi, non solo sanitaria, ma anche economica, è indispensabile che i servizi che possono aiutate a far ripartire l’economia siano adeguati alle esigenze prioritarie che tutti noi vediamo”.

Commenti

Blogger: Mattia Aimola

Mattia Aimola
Senza peli sulla penna

Leggi anche

CHIVASSO. Natale: l’Ascom litiga con Castello

CHIVASSO. Natale: l’Ascom litiga con Castello. “Abbiamo appreso ieri che il Comune di Chivasso non …

CHIVASSO. Ci ha lasciati Ginetta Dondero

CHIVASSO. Ci ha lasciati Ginetta Dondero. Si è spenta, all’età di 80 anni, Maria Teresa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *