Home / Attualità / MILANO. Expo: sì alla Carta sulle Pari Opportunità e Uguaglianza Lavoro

MILANO. Expo: sì alla Carta sulle Pari Opportunità e Uguaglianza Lavoro

DAN_5147E’ un bel giorno per il personale di Expo: il commissario unico Giuseppe Sala, insieme alla vicesindaco Ada Lucia De Cesaris, ha firmato oggi la ‘Carta delle Pari Opportunità e dell’Uguaglianza sul Lavoro’. E’ il documento con cui la società Expo Spa si impegna formalmente a rispettare e valorizzare la diversità, non solo di genere, ma anche di orientamento sessuale, religione, etnia e abilità dei propri dipendenti. La Carta è stata recepita dall’Italia nel 2009, soprattutto grazie all’interessamento della Fondazione Sodalitas, e al momento sono 14 i Paesi membri dell’Unione europea che danno alle proprie imprese la possibilità di aderirvi. “Abbiamo deciso di firmare la Carta perché crediamo nei principi in essa contenuti – ha spiegato Sala -. In più Expo, nel bene e nel male, è sempre al centro dell’attenzione mediatica. Speriamo così di fare da cassa di risonanza e di lasciare il segno”. Expo può diventare modello di riferimento anche sul piano dei diritti, sia civili, sia sociali. “Qui – ha sottolineato Sala – si respira un’atmosfera di enorme gentilezza, ed è la cosa di cui vado più fiero. Mi riferisco per esempio ai tanti volontari, soprattutto ragazzi e pensionati, ma anche ai detenuti. Tutti stanno facendo un lavoro splendido. Stiamo dando il buon esempio e chi arriva qui da fuori ha l’impressione di trovarsi in una situazione in cui regnano armonia e relax”. Sala ha poi auspicato che il documento possa ispirare le future esposizioni universali. Sarà infatti stilato e depositato al BIE (Bureau International des Expositions) un elenco di “buone pratiche” messe in campo durante i sei mesi di Expo, che funga da modello per le prossime Esposizioni. “Non sempre vincono i Paesi più ricchi – ha precisato Sala -. Non conta la proposta economica, ma il piano ideato. Milano ha vinto sia grazie alla sua immagine di città della solidarietà, sia grazie al tema. Daremo al BIE il compito di far sì che il nostro segno rimanga in futuro”. La vicesindaco di Milano, Ada De Cesaris, ha poi tracciato un parallelismo tra l’editto di Costantino, firmato nel 313 d.C., e Expo Milano 2015: “Quello di Costantino fu il primo vero atto di tolleranza che vogliamo ricordare. Questa Carta ha un senso molto importante e vuole collocarsi in continuità con quello che Milano nei secoli è sempre riuscita a fare”. Alla cerimonia della firma hanno partecipato, tra gli altri, l’Esperto dell’ Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, Marco Buemi, il consigliere delegato di Fondazione Sodalitas, Carlo Antonio Pescetti, e il presidente nazionale di Arcigay, Flavio Romani. In particolare, quest’ultimo per l’occasione ha donato a Sala e De Cesaris due piatti recanti questa scritta: ‘Hungry 4 human rights’ . Ricordando: “Sono piatti che vanno riempiti, siamo affamati di diritti”.

 

Commenti

Blogger: Liborio La Mattina

Liborio La Mattina
Nun Te Reggae Più

Leggi anche

LANZO – Quei torcettini che conquistarono Mario Sodati

Storie di uomini che si intrecciano alla grande storia. Poteva essere questo il sottotitolo non …

Dal 1° ottobre torna l’ordinanza sul “blocco traffico”

Deliberato dalla Giunta regionale, su iniziativa dell’assessore all’Ambiente, lo schema di ordinanza che i sindaci …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *