Home / EXPO 2015 / MILANO. Expo: la Russia celebra il Victor Day

MILANO. Expo: la Russia celebra il Victor Day

Nella Giornata dell’Europa, mentre su Expo echeggiavano le note dell’Inno alla Gioia e si teneva l’alzabandiera ufficiale alla presenza del presidente del Parlamento Ue, Martin Schulz, al padiglione della Russia un’altra cerimonia veniva celebrata ufficialmente: quella organizzata per il Victor Day, il giorno della vittoria, che la Russia celebra come giorno della vittoria della Seconda Guerra Mondiale.

A 70 anni dalla fine della seconda guerra mondiale, due celebrazioni diverse unite a poche centinaia di metri l’una dall’altra in nome di Expo. Il padiglione russo ha festeggiato la ricorrenza con un susseguirsi di canti, proiezioni di vecchi film degli Anni ’40 e balli popolari. Il tutto in collegamento tv in diretta con l’imponente parata militare in corso a Mosca sulla Piazza Rossa. I visitatori del padiglione russo hanno potuto seguire la parata da un megaschermo allestito in uno spazio comune all’interno di Casa Russia. All’esterno dell’edificio, canti, balli, musiche. All’interno, il passo marziale della forza militare russa, la sfilata di carri armati, soldati, missili, e il volto del presidente Vladimir Putin che assisteva alla parata dal palco.

La celebrazione a Expo del 9 maggio è stata comunque festosa, per il clima di euforia popolare che accompagna l’Esposizione Universale. Quella del 9 maggio è una giornata di grande orgoglio e unità nazionale per i russi. L’Unione Sovietica perse 28 milioni di vite nella Seconda                 Guerra Mondiale e ha sempre rivendicato di aver vinto la guerra. Da allora la parata militare della Piazza Rossa è diventata una sorta di ricorrenza nazionale e anche a Expo padiglione Russia non ha voluto essere da meno: ha consentito a tutti i visitatori, russi e non, di seguire in diretta l’intera parata, durata ore, mentre gli addetti all’accoglienza offrivano benvenuto e bevande.

Lo fa anche da Expo 2015 che è stata anche oggi una vetrina.

La vetrina di due ricorrenze che cadono lo stesso giorno: da un lato l’Europa che celebra, con la fine della guerra, la sua stessa nascita; dall’altro la Russia che, a 70 anni di distanza, nello stesso giorno continua a celebrare la “sua” vittoria su Adolf Hitler.

Commenti

Blogger: Liborio La Mattina

Liborio La Mattina
Nun Te Reggae Più

Leggi anche

SAVONA. Piper precipitato: le vittime sono di Lenta e Ossona

Sono stati recuperati i corpi delle due vittime dell’incidente aereo sul Monte Carmo, nel savonese. …

REGGIO CALABRIA. Traffico droga e soldi sottratti da conti correnti, arresti

È in corso dalle prime ore di questa mattina un’operazione dei Carabinieri a Reggio Calabria …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *