Home / EXPO 2015 / MILANO. Expo: arriva Gregoire Ahongbonon, il “Basaglia nero”
Expo 2015
Expo 2015

MILANO. Expo: arriva Gregoire Ahongbonon, il “Basaglia nero”

Evento di straordinaria portata sociale il 2 agosto al padiglione Kip-Onu a Expo: il primo ospite ad aprire il programma denominato “Nutrire al Pianeta – Marco Cavallo contro l’esclusione” è Gregoire Ahongbonon, considerato il “Basaglia nero”, l’africano del Benin da oltre 30 anni impegnato in Africa contro la malattia mentale.
L’associazione di Trieste Marco Cavallo, che trae il suo nome dalla omonima statua creata da Vittorio Basaglia (cugino di Franco) e divenuta simbolo della lotta contro la malattia mentale, ha invitato Ahongbonon a Expo per un incontro pubblico durante il quale raccontare la sua storia. Soprannominato il “Basaglia nero”, Ahongbonon ha deciso di dedicare la sua vita alle persone con disturbo mentale, liberandole dalla schiavitù e ridando loro la dignità dell’essere umano. All’incontro partecipano anche don Paolo Zuttion, dell’Associazione di Solidarietà internazionale Jobel ONLUS con sede in Friuli Venezia Giulia impegnata in Africa al fianco di Gregoire, e Marco Bertoli, del dipartimento di Salute Mentale AAS 2 Bassa Friulana Isontina (Gorizia).
La vita di Grégoire Ahongbonon, originario di un piccolo villaggio del Benin, è segnata da un momento di svolta.
Sull’orlo del suicidio dopo insuccessi economici e personali trova consolazione nella fede. Toccato profondamente dalla frase “Ogni cristiano deve posare una pietra per costruire la Chiesa” guarda con occhi nuovi un uomo che vaga nudo per la città, lo avvicina, gli parla e capisce che è un malato mentale. Da quell’incontro decide di occuparsi delle persone affette da malattia mentale. Ancora oggi in Africa i malati di mente sono considerati posseduti dallo spirito maligno. Nei piccoli villaggi sono incatenati agli alberi o inceppati con uno o più arti, nelle città abbandonati nudi, perché questa è la “divisa del matto”. In entrambi i casi vivono questa condizione fino alla morte perché nessuno può toccare o avvicinare un “matto”. Il lavoro di Gregoire inizia a Bouaké, in Costa d’Avorio, dove avvia un gruppo di preghiera che si trasformerà in un gruppo di carità per i malati bisognosi di cure. Oggi Gregoire e l’associazione Jobel, con i suoi volontari, sono attivi con diverse iniziative in Costa D’Avorio, Benin, Burkina Faso e Togo. Expo è il luogo dove il suo messaggio vuole essere amplificato.

Commenti

Blogger: Sergiu Sabau

Avatar

Leggi anche

MILANO. Expo da Renzi un grazie di cuore a Beppe Sala

“Dico grazie a Beppe. Non posso dire altro per ovvi motivi; grazie di cuore per …

Expo 2015

MILANO. Expo: numeri “esaltanti” per partner e sponsor

Sono tutti numeri “esaltanti” quelli forniti dai diversi padiglioni di Expo a bilancio dalla loro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *