Home / Calcio Italia / MILAN. Supercoppa: Montella, “ritardo non ci deresponsabilizza”

MILAN. Supercoppa: Montella, “ritardo non ci deresponsabilizza”

“Non ci sentiamo deresponsabilizzati”. Vincenzo Montella replica così a Massimiliano Allegri, suo avversario nella Supercoppa italiana.

“Se le due società e gli allenatori avevano scelto di partire il 20 dicembre e non il 21 era la cosa giusta – ha notato il tecnico del Milan in conferenza stampa a Doha -. Detto questo, non è dipeso da nessuno, non rappresenta un alibi. La squadra oggi è meno stanca di ieri e domani lo sarà ancora meno. Ma l’organizzazione prevedeva di partire entrambe il 20”. 

Contro una Juventus “abituata a questo genere di partite”, le armi del Milan dovranno essere “entusiasmo, leggerezza e incoscienza”. E’ quanto predica Vincenzo Montella alla vigilia della Supercoppa italiana a Doha, augurandosi a sua volta di poter affrontare la sfida con una certa spensieratezza, “perché le squadre sono sempre lo specchio del loro allenatore”.

“Al di là della qualità, la Juventus ha la mentalità vincente, che si crea nel tempo ed è la cosa più difficile. Per noi quello è un obiettivo, siamo sulla strada giusta, e bisogna quanto meno pareggiare l’avversario sul piano dell’agonismo – ha detto Montella durante la conferenza stampa in Qatar -. Entrambe le squadre sono leggermente superiori a quando abbiamo vinto in campionato a ottobre. Dobbiamo mettere in campo spirito, convinzione, determinazione e qualità, spesso gli episodi favorevoli dipendono dallo spirito”. E secondo Montella i suoi giocatori non sentiranno il peso di poter vincere il primo titolo del Milan dopo cinque anni di astinenza. “Non voglio crederlo, questi ragazzi ci sono arrivati per merito – ha commentato -. C’è la possibilità regalare ancora un trofeo a Berlusconi che molto spesso ci trasmette la voglia di vincere”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CALCIO. La Nazionale Italiana compie 110 anni

Compie oggi 110 anni, ma non li dimostra. E’ la Nazionale italiana di calcio che, …

Cairo: "Andare oltre il 30 giugno rischia di essere un problema"

Calcio. Cairo: “Andare oltre il 30 giugno rischia di essere un problema”

“Giusto salvare coppe e campionati, però andare oltre il 30 giugno rischia di essere un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *