Home / In provincia di Torino / MAZZÈ. Nel 2018 arriveranno i migranti
Il consigliere Piretto ha presentato un’interrogazione per conoscere la situazione

MAZZÈ. Nel 2018 arriveranno i migranti

Mazzè e Candia si preparano ad ospitare i migranti. Se ne parlerà nel nuovo anno quando entro la fine di gennaio una quindicina di donne richiedenti asilo politico e già ospiti a Montalenghe potrebbero arrivare a Mazzè.

Per il momento non c’è nulla di ufficiale” ha puntualizzato il sindaco Marco Formia stuzzicato, ieri pomeriggio, lunedì 11 dicembre, dal consigliere di minoranza Danilo Piretto firmatario di un’interrogazione scritta proprio per conoscere la situazione migranti in paese. Danilo Piretto che avrebbe anche chiesto in quale attività verrebbero coinvolti qualora dovessero arrivare a Mazzè.

L’eventuale arrivo in paese è frutto di quel protocollo firmato tra Ciss-Ac e Prefettura attraverso il quale si era stabilita la ridistribuzione dei 180 profughi già presenti sul territorio in tutti i 18 comuni aderenti al Consorzio” ha concluso Formia. L’unica certezza, per ora, a Mazzè, è rappresentata da un costante interessamento da parte dei responsabili della cooperativa Liberi Tutti, impegnati nella ricerca di un immobile. Cooperativa che avrebbe già visionato un paio di abitazioni: una verso la parte alta, lungo via Perino che sale al Castello; l’altra a Tonengo di Mazzè.

Anche a Candia Canavese la stessa situazione. Per il momento non c’è nulla di ufficiale ma il sindaco Albertino Salzone si è già dichiarato disposto ad accoglierli, nel caso le cooperative trovassero da affittare immobili in paese.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Procura

SAN BENIGNO. Animali: anche giudice si ‘commuove’ per cavalli maltrattati

Le condizioni in cui gli animali erano costretti a vivere erano tali da “commuovere” persino …

CHIVASSO. La stazione in balìa del degrado, dei rom e dei clochard: tassisti e commercianti furiosi

A furia di parlare del progetto della Stazione Porta del Canavese, che dovrebbe sorgere sulla linea …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *