Home / BLOG / MAZZE’. Il sindaco Formia annuncia “I coscritti non pagheranno l’affitto del centro polifunzionale”
marco formia
Marco Formia

MAZZE’. Il sindaco Formia annuncia “I coscritti non pagheranno l’affitto del centro polifunzionale”

I coscritti di Mazzè non pagheranno l’affitto del centro polifunzionale, ma solo le spese “vive” che creeranno nei giorni di festa. Dopo la proposta da parte del gruppo Rinnovamento e Tradizione di rivedere il tariffario applicato ai ragazzi e alle rispettive famiglie per l’uso del palazzetto di Tonengo, il sindaco Marco Formia spiega che sebbene l’utilizzo completamente gratuito non sia possibile, presto sarà fatto un monitoraggio per individuare con precisione i costi di utilizzo della struttura “Pensare di cedere la struttura senza far pagare i costi di gestione non è possibile – spiega il primo cittadino – perché l’impianto è vecchio e obsoleto da un punto di vista energetico, quindi molto dispendioso sotto il punto di vista gestionale. Questo non vuol dire assolutamente voler far cassa sulla manifestazione ma solo assicurarsi di non rimetterci dei soldi, questo è bene chiarirlo. Seguiremo quindi la prassi utilizzata sin dal nostro insediamento. Come per tutti gli altri eventi di rilevanza sociale e come già fatto con tutte le altre associazioni locali che hanno usato il complesso non saranno applicati costi aggiuntivi, ma saranno fatti pagare soltanto i costi di acqua, elettricità e riscaldamento, altrimenti vorrebbe dire far gravare su tutti gli altri cittadini le spese in questione, e questo come è facilmente intuibile soprattutto nel contesto odierno, non è ammissibile. Nei prossimi giorni ci occuperemo di fare un sopralluogo al fine di stabilire al centesimo le cifre di cui si parla, per poi comunicarle alle famiglie interessate”.

Commenti

Blogger: Daniele Giubileo

Daniele Giubileo
La mia voce

Leggi anche

Legambiente

Bandiere verdi di Legambiente. C’è l’Anfiteatro Morenico di Ivrea e ci sono i sentirei dell’Alta Val Malone

Tutela della biodiversità a rischio, valorizzazione dell’agricoltura e delle antiche tradizioni, ma anche mobilità sostenibile, …

CHIVASSO. Che fine ha fatto il “Mercà d’la Tola”?

C’è qualcosa che non torna, nell’agenda delle priorità che s’è data l’amministrazione comunale targata Claudio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *