Home / BLOG / MAZZE’. IdroMazzè, attesa per l’incontro in Regione
mazzè
Mauro Barberis

MAZZE’. IdroMazzè, attesa per l’incontro in Regione

Sembra finalmente muoversi qualcosa per gli operai dell’IdroMazzè, società che in questi giorni chiuderà per due anni i battenti per avviare l’ultima fase di ristrutturazione dopo l’alluvione del 2000. I nove dipendenti hanno finalmente ottenuto la possibilità di incontrare gli assessori Gianna Pentenero e Giorgio Ferrero della Regione Piemonte, proprietaria degli stabili in cui l’azienda lavora, e i rappresentanti dell’IdroMazzè. Un tavolo di lavoro per ottenere finalmente risposte e magari pure qualche certezza. Questa è la speranza di Mauro Barberis, operaio e delegato FILCTEM, che proprio il mese scorso aveva lanciato sulle colonne del nostro giornale un appello affinché lui e i suoi colleghi ricevessero la giusta attenzione dalle istituzioni.

In questi giorni – ha detto – abbiamo finalmente iniziato a ricevere i primi segnali di apertura dalla Regione e dall’azienda, segnali che quantomeno ci lasciano la speranza di poter esporre le nostre ragioni. Non sappiamo darci ragione del perché l’idroMazzè fino ad ora non ci abbia fatto conoscere delle novità, ma ora l’importante è che i primi risultati inizino ad arrivare. Sappiamo che nulla è ancora deciso, ma speriamo che tutto possa andare bene e che vengano tenuti da conto anche i nostri diritti”.

Gli ultimi sviluppi sembrano avere portato una ventata di positività per le famiglie coinvolte, positività accresciuta ulteriormente dall’appoggio incassato da Marco Formia e Fabrizio Salono, sindaci di Mazzè e Villareggia, paesi confinanti con la diga. “ – ha concluso Barberis – i due primi cittadini si sono mostrati pronti a darci una mano qualora ne avessimo bisogno. Al momento le modalità e le formule con cui saranno al nostro fianco sono ancora da vedere, ma comunque sono intervenuti prontamente a darci sostegno, e noi di questo li ringraziamo”.

Commenti

Blogger: Emiliano Rozzino

Emiliano Rozzino
Libero di...

Leggi anche

CASCINETTE DI IVREA. Vendeva sul Web braccialetti anti-Covid a 649 euro, interviene l’Agcm

Vendeva su internet braccialetti anti-Covid a 649 euro garantendo efficacia curativa e preventiva dei dispositivi. …

Dell’impiego ovvero dello Statuto dei lavoratori

Il professor Carlo Ossola (dovrebbero tremarmi le vene dei polsi solo a scriverne il nome), …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *